• Testo DDL 1827

link alla fonte  |  scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.1827 Ratifica ed esecuzione dei seguenti Accordi: a) Accordo aggiuntivo alla Convenzione di reciproca assistenza giudiziaria, di esecuzione delle sentenze e di estradizione tra il Governo della Repubblica italiana ed il Governo del Regno del Marocco del 12 febbraio 1971, fatto a Rabat il 1° aprile 2014; b) Convenzione tra il Governo della Repubblica italiana ed il Governo del Regno del Marocco sul trasferimento delle persone condannate, fatta a Rabat il 1° aprile 2014


Senato della RepubblicaXVII LEGISLATURA
N. 1827
DISEGNO DI LEGGE
presentato dal Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale (GENTILONI SILVERI)
e dal Ministro della giustizia (ORLANDO)
di concerto con il Ministro dell'interno (ALFANO)
e con il Ministro dell’economia e delle finanze (PADOAN)

COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 19 MARZO 2015

Ratifica ed esecuzione dei seguenti Accordi: a) Accordo aggiuntivo alla Convenzione di reciproca assistenza giudiziaria, di esecuzione delle sentenze e di estradizione tra il Governo della Repubblica italiana ed il Governo del Regno del Marocco del 12 febbraio 1971, fatto a Rabat il 1° aprile 2014; b) Convenzione tra il Governo della Repubblica italiana ed il Governo del Regno del Marocco sul trasferimento delle persone condannate, fatta a Rabat il 1° aprile 2014.

Onorevoli Senatori. --

a) disegno di legge recante ratifica ed esecuzione dell'accordo aggiuntivo alla Convenzione di reciproca assistenza giudiziaria, di esecuzione delle sentenze e di estradizione del 12 febbraio 1971 tra il Governo della Repubblica italiana ed il Governo del Regno del Marocco, fatto a Rabat il 1º aprile 2014.

Con l'Accordo aggiuntivo alla Convenzione di reciproca assistenza giudiziaria, di esecuzione delle sentenze e di estradizione, sottoscritta a Roma il 12 febbraio 1971 tra il Governo della Repubblica italiana ed il Governo del Regno del Marocco, si è inteso modificare -- per rendere più efficace la cooperazione tra i due Paesi -- alcune disposizioni presenti nella Convenzione del 1971 in materia di estradizione.

In particolare, l'Accordo in esame disciplina in maniera più sistematica i presupposti in presenza dei quali l'estradizione può essere concessa, nonché i motivi di rifiuto obbligatori e facoltativi.

L'articolo 1 dell'Accordo, infatti, nel disciplinare l'ambito d'applicazione dell'estradizione, sancisce il principio della doppia incriminabilità ed individua i reati che possono dar luogo all'estradizione attraverso il metodo cosiddetto «eliminativo», disponendo -- nell'ipotesi di estradizione processuale -- l'estradibilità per i reati puniti con pena non inferiore ad un anno, e nell'ipotesi di estradizione esecutiva, l'estradibilità nei casi in cui la pena complessiva da scontare sia di almeno sei mesi.

La disposizione in esame disciplina, inoltre, l'ipotesi in cui la domanda di estradizione concerna più fatti -- reato, alcuni dei quali non rispettino i limiti di pena suindicati e l'ipotesi in cui l'estradizione viene richiesta per reati di natura finanziaria.

L'articolo 2 dell'Accordo disciplina l'ipotesi in cui l'estradizione viene richiesta per un reato punibile dalla legge dello Stato richiedente con la pena di morte, disponendo che, in caso di estradizione processuale, lo Stato richiedente applicherà la pena prevista per il medesimo reato dalla legge dello Stato richiesto e, in caso di estradizione esecutiva, l'estradizione non sarà concessa, salvo che la pena inflitta dallo Stato richiedente sia sostituita dalla pena massima prevista per lo stesso reato dalla legge dello Stato richiesto.

L'articolo 3 disciplina i casi di rifiuto obbligatorio dell'estradizione. Tra questi, oltre alle ipotesi tradizionalmente previste nei trattati e nelle convenzioni in materia (amnistia, prescrizione, esistenza di un giudicato) è contemplato:

-- il rifiuto delle domande di estradizione richiesta per reati militari;

-- il rifiuto laddove vi sia fondato motivo di ritenere che la persona richiesta è stata o sarà sottoposta ad un procedimento che non assicura il rispetto dei diritti minimi di difesa: sul punto è peraltro precisato che la circostanza che il procedimento si è svolto in contumacia non costituisce di per sé motivo di rifiuto dell'estradizione.

L'articolo 4 prevede, quali motivi di rifiuto facoltativi, l'ipotesi in cui lo Stato richiesto abbia la anch'esso giurisdizione sul reato per i quali l'estradizione è richiesta ed intenda sottoporre la persona a procedimento penale, nonché l'ipotesi in cui, avuto riguardo all'età, alle condizioni di salute o ad altre condizioni personali della persona richiesta, l'estradizione appare incompatibile con valutazioni di carattere umanitario.

L'articolo 5 abroga gli articoli 34 e 35 della Convenzione, che contemplavano alcune ipotesi di ammissibilità ovvero di rifiuto dell'estradizione, disciplinate dagli articoli 1 e 3 dell'Accordo.

L'articolo 6, relativo alla traduzione e alla forma degli atti, dispone che la domanda di estradizione e i documenti relativi alla procedura vengano redatti nella lingua della Parte richiedente ed accompagnati da una traduzione in lingua francese, nonché che gli atti e i documenti sono dispensati da ogni procedura di legalizzazione.

L'articolo 7 dell'Accordo aggiuntivo, introducendo -- dopo l'articolo 38 della Convenzione -- l'articolo 38-bis disciplina l'ipotesi della procedura semplificata dell'estradizione, consentendo di prescindere dalle regole di documentazione previste dall'articolo 36 della Convenzione in presenza del consenso dell'estradando; consenso che è valido solo se reso, alla presenza di un difensore, ad un rappresentante del potere giudiziario, che deve informare l'estradando dei diritti riconosciutigli dalle disposizioni normative.

L'articolo 8 integra le disposizioni dell'articolo 42 della Convenzione sulla decisione della richiesta di estradizione, prevedendo che il periodo di custodia cautelare, anche agli arresti domiciliari, sofferto dall'estradando dalla data dell'arresto a quella della consegna, deve essere computato dallo Stato richiedente ai fini della custodia cautelare nel procedimento penale o della pena da eseguire.

L'articolo 9 sostituisce il paragrafo 3 dell'articolo 43 della Convenzione, che si occupa di differimento della consegna e della consegna temporanea, disciplinando in maniera più analitica la consegna temporanea, nonché prevedendo la possibilità di differire la consegna anche nelle ipotesi in cui, a causa delle condizioni di salute dell'estradando, il trasferimento può porre in pericolo la vita di questi o aggravarne il suo stato.

L'articolo 10 disciplina, sostituendo l'articolo 45 della Convenzione, in maniera più esaustiva l'ipotesi della riestradizione verso uno Stato terzo.

L'articolo 11 stabilisce infine che l'entrata in vigore dell'Accordo aggiuntivo è subordinata allo scambio degli strumenti di ratifica e prevede la possibilità della «denunzia dell'Accordo» statuendo che, in caso di denuncia, lo stesso cesserà di avere efficacia trascorsi sei mesi dalla data della ricezione della comunicazione di recesso.

Si è predisposta la relazione AIR in considerazione dei costi derivanti dall'Accordo.

b) disegno di legge recante ratifica ed esecuzione della Convenzione sul trasferimento delle persone condannate tra il Governo della Repubblica italiana ed il Governo del Regno del Marocco, fatto a Rabat il 1º aprile 2014.

La Convenzione in esame ha ad oggetto il trasferimento delle persone condannate.

La scelta di sottoscrivere una convenzione bilaterale tra l'Italia e il Marocco è stata dettata dalla considerazione che con il Regno del Marocco mancava uno strumento internazionale in tale materia, atteso, in particolare, il fatto che il Regno del Marocco non ha aderito alla Convenzione promossa dal Consiglio d'Europa e aperta alla sottoscrizione ed adesione anche di Stati che non fanno parte del Consiglio, sottoscritta a Strasburgo il 21 marzo 1983. Tale Convenzione, come è noto, costituisce lo strumento giuridico maggiormente applicato in materia di trasferimenti internazionali di detenuti al fine di eseguire condanne definitive.

La Convenzione in esame consente che i cittadini di ciascuno dei due Paesi contraenti, condannati e detenuti nell'altro Stato, siano trasferiti nel Paese di origine per ivi scontare la pena residua. La finalità della Convenzione è essenzialmente quella di favorire il reinserimento sociale della persona condannata, facendole scontare la pena nel luogo in cui ha saldi legami sociali e familiari.

La Convenzione, che si compone di 22 articoli, prevede che il trasferimento dei detenuti potrà avvenire « in conformità con quanto previsto dagli accordi internazionali vigenti in tale materia » soltanto se il condannato sia cittadino dell'altro Stato, la sentenza di condanna sia passata in giudicato, se la parte della condanna ancora da espiare sia pari almeno ad un anno, se il fatto che ha dato luogo alla condanna costituisca un reato anche per la legge dello Stato in cui il detenuto deve essere trasferito e se lo Stato di condanna e lo Stato di esecuzione siano d'accordo sul trasferimento. Perché si possa provvedere al trasferimento occorre, peraltro, che il detenuto presti il proprio consenso, con piena consapevolezza delle conseguenze giuridiche che ne derivano (paragrafo 4 dell’articolo 3).

La richiesta di trasferimento può essere presentata dal detenuto o da uno degli Stati contraenti (articolo 11). L'articolo 14 individua le Autorità centrali, compenti a ricevere e inoltrare le richieste di trasferimento, nel Ministero della giustizia per il Governo della Repubblica italiana e la Delegazione generale dell'Amministrazione penitenziaria e del reinserimento per il Regno del Marocco.

Sono contemplati i motivi facoltativi di rifiuto del trasferimento (articolo 4) nell'ipotesi di doppia cittadinanza del detenuto, di condanna inflitta in relazione alla commissione di un reato militare e di mancato pagamento -- da parte del condannato -- delle spese di giustizia e di risarcimento del danno.

La durata della pena nello Stato di esecuzione dovrà corrispondere a quella indicata nella sentenza pronunciata nello Stato richiesto. È peraltro riconosciuto allo Stato di esecuzione di adeguare la pena inflitta nello Stato di condanna con un'altra pena qualora questa non sia prevista nel proprio ordinamento, pena che dovrà corrispondere, per quanto possibile, a quella inflitta con la decisione da eseguire (articolo 5).

Le modalità di esecuzione e di cessazione della pena sono disciplinate dalla legge dello Stato di esecuzione, salva la possibilità anche per lo Stato di condanna di accordare la grazia, l'amnistia e l'indulto. Lo Stato di condanna è invece l'unico che può decidere sulle domande di revisione della sentenza (articoli 6, 7 e 8).

Lo Stato di esecuzione non potrà processare, arrestare e condannare la persona trasferita per gli stessi fatti che hanno dato luogo alla condanna nello Stato di condanna mentre ha la facoltà di procedere nei confronti della persona condannata per fatti commessi anteriormente a quelli che hanno dato luogo alla condanna, purché -- se si tratti di reati puniti con la pena di morte -- lo Stato di esecuzione applichi la pena prevista dalla legge dello Stato di condanna (articolo 9).

La Convenzione detta una disciplina analitica in relazione ai documenti che devono essere presentati da entrambi gli Stati (articolo 12), alla lingua di traduzione degli atti (articolo 15), alle spese (articolo 18), alla modalità di consegna delle persona trasferita (articolo 17).

Sono, infine, contenute nella Convenzione le disposizioni relative al transito, finalizzate a facilitare il trasferimento dei detenuti anche nei rapporti con Paesi terzi (articolo 19), nonché le disposizioni «finali» aventi ad oggetto l'ambito di applicazione (articolo 20), la soluzione delle controversie (articolo 21) e le modalità per l'entrata in vigore, la durata e l'eventuale «rescissione» della Convenzione stessa (articolo 22).

Non si è proceduto alla redazione dell'AIR poiché la Convenzione in materia di trasferimento delle persone condannate non comporta oneri finanziari

Relazione tecnica

DDL1827-14.png DDL1827-15.png DDL1827-16.png DDL1827-17.png

Analisi tecnico-normativa

DDL1827-01.png DDL1827-02.png DDL1827-03.png DDL1827-04.png DDL1827-05.png DDL1827-06.png DDL1827-07.png DDL1827-08.png

Analisi di impatto della regolamentazione (AIR)

DDL1827-09.png DDL1827-10.png DDL1827-11.png DDL1827-12.png DDL1827-13.png

DISEGNO DI LEGGE

Art. 1.

(Autorizzazione alla ratifica)

1. Il Presidente della Repubblica è autorizzato a ratificare i seguenti Accordi:

a) Accordo aggiuntivo alla Convenzione di reciproca assistenza giudiziaria, di esecuzione delle sentenze e di estradizione tra il Governo della Repubblica italiana ed il Governo del Regno del Marocco del 12 febbraio 1971, fatto a Rabat il 1º aprile 2014;

b) Convenzione tra il Governo della Repubblica italiana ed il Governo del Regno del Marocco sul trasferimento delle persone condannate, fatta a Rabat il 1º aprile 2014.

Art. 2.

(Ordine di esecuzione)

1. Piena ed intera esecuzione è data agli Accordi di cui all'articolo 1, a decorrere dalla data della loro entrata in vigore, in conformità a quanto disposto, rispettivamente, dall'articolo 11 dell'Accordo di cui all'articolo 1, lettera a), e dall'articolo 22 della Convenzione di cui all'articolo 1, lettera b).

Art. 3.

(Copertura finanziaria)

1. All'onere derivante dalle spese di missione della Convenzione di cui all'articolo 1, lettera b), valutato in euro 339.760 annui a decorrere dall'anno 2015, e dalle rimanenti spese pari a euro 4.000 a decorrere dall'anno 2015, si provvede mediante corrispondente riduzione dello stanziamento del fondo speciale di parte corrente iscritto, ai fini del bilancio triennale 2015-2017, nell'ambito del programma «Fondi di riserva e speciali» della missione «Fondi da ripartire» dello stato di previsione del Ministero dell'economia e delle finanze per l'anno 2015, allo scopo parzialmente utilizzando l'accantonamento relativo al Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale.

2. Ai sensi dell'articolo 17, comma 12, della legge 31 dicembre 2009, n. 196, il Ministro della giustizia provvede al monitoraggio degli oneri di cui al comma 1 e riferisce in merito al Ministro dell'economia e delle finanze. Nel caso si verifichino o siano in procinto di verificarsi scostamenti rispetto alle previsioni di cui al comma 1, il Ministro dell'economia e delle finanze, sentito il Ministro della giustizia, provvede con proprio decreto alla riduzione, nella misura necessaria alla copertura finanziaria del maggior onere risultante dall'attività di monitoraggio, delle dotazioni finanziarie destinate alle spese di missione nell'ambito del programma «Giustizia civile e penale» e, comunque, della missione «Giustizia» dello stato di previsione del Ministero della giustizia. Si intende corrispondentemente ridotto, per il medesimo anno, di un ammontare pari all'importo dello scostamento, il limite di cui all'articolo 6, comma 12, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122, e successive modificazioni.

3. Il Ministro dell'economia e delle finanze riferisce senza ritardo alle Camere con apposita relazione in merito alle cause degli scostamenti e all'adozione delle misure di cui al comma 2.

4. Il Ministro dell'economia e delle finanze è autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio.

Art. 4.

(Entrata in vigore)

1. La presente legge entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.

DDL1827-18.png DDL1827-19.png DDL1827-20.png DDL1827-21.png DDL1827-22.png
DDL1827-23.png DDL1827-24.png DDL1827-25.png DDL1827-26.png DDL1827-27.png DDL1827-28.png
DDL1827-29.png DDL1827-30.png DDL1827-31.png DDL1827-32.png DDL1827-33.png DDL1827-34.png DDL1827-35.png DDL1827-36.png DDL1827-37.png
DDL1827-38.png DDL1827-39.png DDL1827-40.png DDL1827-41.png DDL1827-42.png DDL1827-43.png DDL1827-44.png DDL1827-45.png DDL1827-46.png DDL1827-47.png