• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/08732 l'articolo 2, comma 5-bis, del decreto-legge 28 giugno 2013, n. 76, al fine di sostenere la tutela del settore dei beni culturali, istituisce, per l'anno 2014, presso il Ministero dei beni e...



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-08732presentato daD'UVA Francescotesto diVenerdì 10 aprile 2015, seduta n. 406

D'UVA, COZZOLINO e PETRAROLI. — Al Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, al Ministro del lavoro e delle politiche sociali, al Ministro dell'economia e delle finanze . — Per sapere – premesso che:
l'articolo 2, comma 5-bis, del decreto-legge 28 giugno 2013, n. 76, al fine di sostenere la tutela del settore dei beni culturali, istituisce, per l'anno 2014, presso il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo un Fondo straordinario con stanziamento pari a 1 milione di euro, denominato «Fondo mille giovani per la cultura», destinato alla promozione di tirocini formativi e di orientamento nei settori delle attività e dei servizi per la cultura rivolti a giovani fino a ventinove anni di età;
così come disposto dal decreto ministeriale 9 luglio 2014, al fine di promuovere attività formativa di alto livello nel settore dei beni e delle attività culturali, il legislatore ha inteso impiegare le prime risorse del Fondo straordinario di cui all'articolo 2, comma 5-bis, del decreto-legge 28 giugno 2013, n. 76, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2013, n. 99, per tirocini formativi e di orientamento destinati a 150 giovani particolarmente qualificati, e denominati «150 giovani per la cultura»;
al fine di attrarre i giovani più capaci e meritevoli il decreto ministeriale 9 luglio 2014 ha disposto una indennità per la partecipazione al programma di tirocini formativi e di orientamento all'importo delle borse di dottorato nelle università italiane pari a 1.000 euro di compenso lordo, comprensivi della quota relativa alla copertura assicurativa;
a norma dell'articolo 1, comma 1, il decreto ministeriale 9 luglio 2014, disciplina criteri e modalità per l'accesso al Fondo straordinario di cui all'articolo 2, comma 5-bis, del decreto-legge 28 giugno 2013, n. 76, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2013, n. 99;
il comma seguente, del citato articolo, dispone, invece, la promozione di tirocini formativi e di orientamento per 150 giovani, fino a ventinove anni di età, da utilizzare per la realizzazione di progetti specifici, finalizzati a sostenere attività di tutela, fruizione e valorizzazione del patrimonio culturale;
tali tirocini sono da attivarsi presso «la Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Pompei, Ercolano e Stabia e l'Unità “Grande Pompei” (50 giovani) e la Soprintendenza speciale per il patrimonio storico, artistico ed etnoantropologico e per il polo museale della città di Napoli e della Reggia di Caserta», presso «la Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici dell'Abruzzo e la Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici dell'Emilia-Romagna» e, infine, presso «l'Archivio centrale dello Stato, le soprintendenze archivistiche e gli archivi di Stato presenti sul territorio nazionale, nonché presso le Biblioteche Nazionali di Roma e di Firenze»;
tali disposizioni ministeriali sono state assunte anche in relazione a quanto disposto dall'articolo 1 del decreto-legge 8 agosto 2013 n. 91, il quale ha introdotto strumenti utili ad accelerare «la realizzazione del grande progetto Pompei e per la rigenerazione urbana, la riqualificazione ambientale e la valorizzazione delle aree interessate dall'itinerario turistico-culturale dell'area, nonché per la valorizzazione di Pompei, della Reggia di Caserta, del Polo Museale di Napoli e per la promozione del percorso turistico-culturale delle residenze borboniche»;
a dimostrazione dell'elevato livello di preparazione dei giovani concorrenti al bando per l'attivazione dei tirocini formativi, si è previsto, quale criterio essenziale per l'accesso alle selezioni, il possesso di diploma di laurea specialistica o magistrale, ottenuto con votazione di almeno 105/110 in una delle discipline richieste dal decreto;
così come rilevato, a norma dell'articolo 7 del decreto ministeriale 9 luglio 2014, ai tirocinanti è corrisposta, per la partecipazione al tirocinio, della durata di 6 mesi, una indennità mensile di importo pari a 1.000 euro lordi, comprensivi della quota relativa alla copertura assicurativa;
così come disposto dalla circolare ministeriale n. 27, del 28 gennaio 2015, dal 9 febbraio 2015 e indirizzata a tutti i partecipanti dei bandi della procedura denominata «150 giovani per la cultura», i candidati vincitori hanno iniziato, presso le rispettive sedi di svolgimento, la propria attività di tirocinio;
a seguito di numerose segnalazioni pervenute, gli interroganti hanno appreso notizia circa una possibile inottemperanza nell'erogazione dei compensi spettanti ad alcuni dei candidati vincitori i quali, pur avendo già iniziato il proprio percorso formativo nelle rispettive sedi così come assegnate, sarebbero a oggi oggetto di ritardi negli inadempimenti burocratici e contrattuali;
anche in relazione alle emergenze che hanno portato, a norma dell'articolo 1 del decreto-legge 8 agosto 2013, n. 91, l'attivazione di urgenti strumenti per la riqualificazione delle aree citate, si ritiene necessaria una verifica circa l'effettiva erogazione delle somme previste dal decreto ministeriale –:
se sia a conoscenza dell'effettivo trasferimento agli enti di cui all'articolo 1, comma 1, del decreto ministeriale 9 luglio 2014, e assegnatari dei tirocini, delle somme necessarie all'erogazione dei compensi spettanti ai soggetti vincitori del bando denominato «150 giovani per la cultura», così come disposti dall'articolo 7 dello stesso decreto;
se intenda adoperarsi, in caso di mancato trasferimento, per una celere erogazione di tali somme, agevolando, così, il pagamento dei relativi compensi;
se, a oggi, i tirocinanti vincitori del bando, e assegnati alle sedi previste dalle relative circolari ministeriali, siano coperti dall'idonea polizza assicurativa, così come prevista dal decreto ministeriale. (4-08732)