• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.9/01197/007 considerato che: il comma 232 dell'articolo 2 della legge 23 dicembre 2009, n. 191 (legge finanziaria 2010) ha approvato la possibilità di «specifici progetti prioritari a cui...



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/01197/007presentato daTULLO Mariotesto diVenerdì 21 giugno 2013, seduta n. 38

La Camera dei Deputati,
considerato che:
il comma 232 dell'articolo 2 della legge 23 dicembre 2009, n. 191 (legge finanziaria 2010) ha approvato la possibilità di «specifici progetti prioritari a cui realizzazione possa essere avviata per lotti costruttivi non funzionali» per i quali «con l'autorizzazione del primo lotto costruttivo CIPE assume l'impegno programmatico di finanziare l'intera opera»;
la delibera CIPE n. 48 del 18 novembre 2010 ha autorizzato l'avvio dei lavori per la realizzazione del Terzo Valico dei Giovi, tratta AV/AC Milano-Genova per un importo 6.200 milioni di euro, al netto delle attività propedeutiche, così ripartito per lotti costruttivi;
i relativi al 1o lotto costruttivi ammontano a 500 milioni di euro, 1.100 per il secondo, 1.270 per il terzo, 1.340 per il quarto, 1.200 per il quinto, 650 per il sesto;
la stessa delibera ha autorizzato il primo lotto costruttivo dell'opera del valore di 500 milioni di euro, prescrivendo che prima dell'avvio dei lavori vengano trasmessi al CIPE l'atto integrativo della convenzione vigente tra RFI spa e il contraente generale «Consorzio Collegamenti Integrati Veloci (COCIV)» ed il dossier di valutazione previsto dall'articolo 4, comma, del contratto di programma 2007-2011 per la gestione degli investimenti tra il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e RFI spa;
in data 11 novembre 2011, è stato sottoscritto l'atto integrativo alla convenzione del 16 marzo 1992 tra RFI e COCIV;
la delibera del CIPE n. 85 del 6 dicembre 2011 ha disposto l'assegnazione a favore di RFI di complessivi 1.100 milioni di euro per la realizzazione del secondo lotto costruttivo non funzionale;
nella seduta del 18 marzo 2013 il CIPE ha espresso parere favorevole «sullo schema di Contratto di programma 2012-2014 (parte servizi) tra Ministero delle infrastrutture dei trasporti e Rete Ferrovia Italiana (RFI) S.p.A. per la disciplina delle attività di safety security e navigazione ferroviaria, Il comitato ha altresì assegnato al medesimo Contratto ulteriori risorse pari a 578 milioni di euro, di cui 240 milioni di euro con una riduzione di pari importo dal lotto» dell'AV/AC Milano-Genova (Terzo Valico dei Giovi) e 338 milioni di euro da residuo delle somme derivate dall'articolo 1 comma 176 della legge n. 228/2012;
tale decisione ha provocato legittime preoccupazioni rispetto ai temi di realizzazione del Terzo Valico dei Giovi che rappresenta un'opera fondamentale nell'ambito della rete transeuropea dei trasporti (TEN-T) ed in particolare per il corridoio Genova-Rotterdam, e al complesso iter amministrativo;
il Sottosegretario Girlanda Rocco a nome del Governo nel rispondere all'interrogazione parlamentare (5/00056 del 25 marzo 2013) il 4 giugno 2013 confermava la riduzione del finanziamento del secondo lotto costruttivo che passava da 1.100 di euro milione ad 860 e indicava che il terzo lotto costruttivo avrebbe avuto una variazione da 1270 di euro milioni a 1510, rispondendo così agli interroganti su come intendesse recuperare le risorse destinate al programma di manutenzione, rassicurava anche che tali variazioni non avranno conseguenze sull’iter procedurale amministrativo e sul cronoprogramma dei tempi di realizzazione dell'opera, ribadendo l'importanza strategica della stessa;
nel testo di conversione del decreto-legge 26 aprile 2013 n. 43 all'articolo 7-ter comma 2 è previsto il finanziamento d'investimenti per la realizzazione di infrastrutture ferroviarie, di 120 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2015 al 2024 da attribuire con delibera del CIPE;
il Terzo Valico dei Giovi viene espressamente indicato come opera prioritaria da parte del Governo,

impegna il Governo:

a verificare che la nuova norma assunta non produca ritardi e/o ostacoli sul complesso iter;
al pieno utilizzo di tutte le risorse già assunte nel DEF per il Terzo Valico dei Giovi a partire dagli 860 milioni di Euro previsti per il secondo lotto costruttivo, impegnandosi a recuperare i 240 milioni stornati nella seduta del CIPE del 18 marzo 2013 per attività di Safety/security di RFI.
9/1197/7. Tullo, Basso, Carocci, Marco Meloni, Mariani, Pastorino, Giacobbe, Vazio.