• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.4/03928 SCILIPOTI ISGRO' - Al Presidente del Consiglio dei ministri e al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti - Premesso che: i processi di trasformazione urbana dei centri abitati...



Atto Senato

Interrogazione a risposta scritta 4-03928 presentata da DOMENICO SCILIPOTI ISGRO'
giovedì 7 maggio 2015, seduta n.446

SCILIPOTI ISGRO' - Al Presidente del Consiglio dei ministri e al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti - Premesso che:

i processi di trasformazione urbana dei centri abitati rendono indispensabile procedere ad un riordino degli elementi urbanistici presenti;

in Italia, stante la carenza di opere infrastrutturale su tutto il territorio nazionale, si rende necessario ed opportuno procedere urgentemente sia alle opere di urbanizzazione primaria, quali strade residenziali, spazi di sosta o di parcheggio, fognatura rete idriche, rete di distribuzione dell'energia elettrica e del gas, pubblica illuminazione, spazi di verde attrezzato, sia a quelle di urbanizzazione secondaria, quali scuole materne, mercati di quartiere, impianti sportivi di quartiere;

malgrado la legge 11 novembre 2014, n. 164 (legge di conversione del decreto-legge 12 settembre 2014 n. 133, relativo a misure urgenti per l'apertura dei cantieri, per la realizzazione delle opere pubbliche, cosiddetto Sblocca Italia), nessun reale miglioramento è stato veramente riscontrato in tante parti d'Italia, che risultano completamente isolate ed abbandonate a se stesse;

con riferimento a Roma Capitale, a quanto risulta all'interrogante nel quartiere di Colle degli Abeti, all'interno del VI Municipio, formato dai Piani di Zona B4 Castelverde e C2 Lunghezza, dove i residenti sono ormai circa 6.000 degli 11.000 previsti a regime e, nonostante il crescente numero degli abitanti del quartiere, i cittadini di Colle degli Abeti hanno ottenuto regolare domicilio e certificazione di residenza presso gli uffici preposti di Roma Capitale;

gli abitanti sono sottoposti allo stesso regime fiscale, comprese le imposte sulle proprietà immobiliari e sui servizi, degli altri cittadini residenti nel territorio di Roma Capitale;

risulta all'interrogante che le concessioni edilizie, le convenzioni con i consorzi di imprese edili deputati alla realizzazione delle OO.UU.PP. (opere di urbanizzazione primaria) e all'attuazione e al controllo di quanto previsto nei suddetti piani di zona siano di diretta spettanza di Roma Capitale;

nei suddetti piani di zona, in particolar modo nel PdZ B4 Castelverde, permangono gravissimi ritardi nell'urbanizzazione primaria e secondaria, fatto che costringe migliaia di persone a vivere da anni in condizioni estremamente pericolose e indecorose a causa di strade non ultimate e non illuminate, utenze non allacciate, aree "verdi" abbandonate a se stesse e divenute discariche a cielo aperto e/o bivacco per senza dimora;

nonostante l'alta percentuale di bambini in età scolare e prescolare non è stato edificato alcun edificio scolastico, nemmeno per gli studi dell'obbligo e la saturazione degli istituti presenti nei quartieri limitrofi sta pregiudicando la possibilità per i residenti di iscrivere i propri figli in plessi non distanti dal proprio quartiere;

sulla carta sono previste opere viarie (assi interquartiere) di collegamento con le principali arterie della zona (A-24 e via Collatina) a tutt'oggi non realizzate da parte di Roma Capitale;

della incresciosa situazione descritta si è data ampia comunicazione, senza ricevere però alcun riscontro, anche al sindaco,

si chiede di sapere:

quali soluzioni il Governo intenda adottare su tutto il territorio italiano e se sia a conoscenza della situazione del quartiere di Colle degli Abeti e dei Piani di Zona B4 Castelverde e C2 Lunghezza, uno dei tanti quartieri disagiati in Italia;

se intenda approfondire gli interventi che Roma Capitale metterà in opera per affrontare e risolvere le menzionate problematiche, con particolare riferimento a quelle inerenti alla sicurezza e alla salute dei cittadini.

(4-03928)