• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.4/00624 MARINO Mauro Maria, GOTOR - Al Ministro dell'interno - Premesso che: il quartiere di San Salvario a Torino negli ultimi anni è stato protagonista di una notevole riqualificazione e,...



Atto Senato

Interrogazione a risposta scritta 4-00624 presentata da MAURO MARIA MARINO
mercoledì 24 luglio 2013, seduta n.076

MARINO Mauro Maria, GOTOR - Al Ministro dell'interno - Premesso che:

il quartiere di San Salvario a Torino negli ultimi anni è stato protagonista di una notevole riqualificazione e, attraverso l'incremento di servizi offerti nel campo della ristorazione e del divertimento, è divenuto punto di ritrovo per lo svago serale e notturno;

la grande concentrazione di locali e dunque di giovani ha attratto un elevato numero di spacciatori di sostanze stupefacenti, anche provenienti dalla zona storica dei Murazzi dove sono stati chiusi numerosi club, inasprendo di fatto la lotta per il controllo del territorio da parte della criminalità;

le vie del quartiere, soprattutto nelle ore serali, diventano sempre più spesso teatro di schiamazzi, liti, risse, vieppiù alimentate dalla presenza di persone dedite ad attività illecite e in particolare allo spaccio di droga;

tale situazione sta esasperando gli esercenti e i residenti del quartiere che sono quotidianamente spettatori di ogni genere di episodio di degrado sociale, vandalismo, consumo di sostanze stupefacenti, molestie e così via;

la chiusura alle ore 19.00 sia della locale caserma della Polizia municipale sia degli altri presidi territoriali rischia di rendere le strade di San Salvario una vera "zona franca" per i delinquenti, proprio nelle ore serali e notturne che costituiscono il momento di maggiore criticità;

considerato che:

continue sono le richieste di intervento che giungono alle forze dell'ordine da parte di cittadini e del personale impiegato nei locali, logorati da una situazione che sembra ormai sfuggire di mano;

a causa degli incessanti episodi di violenza diversi gestori si sono visti costretti a chiudere i propri esercizi commerciali, abbandonando così un quartiere che aveva in tempi non lontani attratto numerose attività economiche in virtù di una trasformazione evidentemente rivelatasi a posteriori più vagheggiata che reale;

ciò, unitamente alle serrande abbassate dei locali notturni, fa sì che durante le ore diurne i marciapiedi siano quasi deserti e popolati soltanto da ubriachi, pusher e bivaccatori;

domenica 14 luglio 2013, residenti e commercianti si sono incontrati in strada per confrontarsi e offrire il proprio contributo attraverso proposte che perseguano il Comune obiettivo di combattere il degrado;

nel corso dell'assemblea pubblica è stato evidenziato che il problema della sicurezza sussiste a tutte le ore e che, pertanto, grazie alla necessaria collaborazione tra associazioni di residenti e di commercianti, vanno assunte iniziative collettive di animazione e informazione che rendano vivo il quartiere di giorno, ma che altresì imprescindibile è l'incremento della presenza delle forze dell'ordine che scoraggi i responsabili di azioni criminali e il bivacco e rassicuri i cittadini facendoli sentire più tutelati;

la popolazione e i commercianti di San Salvario chiedono con forza di potersi riappropriare del loro quartiere da troppo tempo ormai terra di degrado, vandalismo e microcriminalità,

si chiede di sapere se il Ministro in indirizzo non ritenga di dover rafforzare e riorganizzare i presidi di zona delle forze dell'ordine, in considerazione del fatto che, anche attraverso un'accurata azione di prevenzione e il pattugliamento del territorio, essi appaiono l'unico strumento efficace per contenere fenomeni di allarme sociale, garantire adeguati controlli, tutelare l'ordine pubblico e la sicurezza dei cittadini in un luogo che più di altri costituisce un'area a elevato tasso di criminalità, al fine di assicurare la tranquilla aggregazione dei tanti giovani che di sera affollano il quartiere e la fruizione dei servizi offerti da parte della popolazione.

(4-00624)