• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/09441 il giorno 31 maggio 2015 si sono svolte, in Campania, le elezioni regionali ed in molti comuni anche le elezioni amministrative; nella giornata elettorale ci siano stati numerosi...



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-09441presentato daMICILLO Salvatoretesto diGiovedì 11 giugno 2015, seduta n. 440

MICILLO, LUIGI DI MAIO, COLONNESE, FICO, LUIGI GALLO, SILVIA GIORDANO, PISANO e TOFALO. — Al Ministro dell'interno . — Per sapere – premesso che:
il giorno 31 maggio 2015 si sono svolte, in Campania, le elezioni regionali ed in molti comuni anche le elezioni amministrative;
nella giornata elettorale ci siano stati numerosi interventi delle forze dell'ordine a seguito di altrettanti episodi segnalati che hanno riguardato irregolarità nell'espressione del voto;
nel comune di Ercolano (Napoli), all'interno del seggio di via Cuparelle, due persone sono state identificate dalle forze dell'ordine per aver comprato il voto di due elettori per una cifra di 20 euro l'uno;
a Sorrento (Napoli), all'interno della scuola Vittorio Veneto, un uomo di circa 80 anni è stato denunciato, a seguito della sollecitazione del presidente, per aver fotografato la scheda elettorale dopo il voto;
a Cardito (Napoli) il presidente di un seggio è stato denunciato dalle forze dell'ordine per avere fotografato il proprio voto all'interno dell'istituto Gianni Rodari;
a Macerata Campania (CE) un uomo di 47 anni è stato sorpreso dai carabinieri all'esterno di un seggio mentre distribuiva materiale elettorale;
a Casavatore (Napoli) un uomo di 21 anni è stato denunciato per avere tentato di votare due volte, la seconda volta al posto di un'altra persona. Inoltre due donne di 26 e 40 anni, presidenti di seggio, avrebbero consentito il voto a due giovani, di 22 e 32 anni. Tali giovani, dopo aver votato, si accingevano a votare nuovamente con tessere elettorali di altre persone nel seggio n. 9 di via Campanariello;
nel comune di Giugliano in Campania (Napoli) nelle immediate vicinanza del quinto circolo didattico di Giugliano in Campania, sito in via Pigna, alle ore 17,10, il candidato sindaco del Movimento 5 Stelle ha pubblicamente denunciato, attraverso un video, una presunta compravendita di voti che stava avvenendo nelle immediate vicinanze della scuola;
il video è stato immediatamente ripreso da diversi organi di informazione;
sempre nel comune di Giugliano in Campania 29 presidenti di seggio sorteggiati hanno rinunciato ad espletare la funzione di presidente di seggio il giorno prima delle elezioni. Diverse nomine a presidente sarebbero state eseguite senza il sorteggio ed in maniera diretta dai dirigenti. Come se non bastasse le schede elettorali consegnate sarebbero insufficienti a coprire il numero degli elettori;
ancora nel detto comune, alla data del 9 maggio 2015, il numero dei presidenti di seggio rinunciatari arriva a quasi il 50 per cento dei totali;
nel comune di Napoli — quartiere Bagnoli — all'interno dell'istituto comprensivo di piazza Neghelli è stato denunciato un uomo per aver fotografato il voto con il telefono cellulare. Sul posto si sono recati gli agenti del commissariato San Paolo di Fuorigrotta che lo hanno identificato e denunciato. Caso simile, sempre all'interno del comune di Napoli, nel quartiere Piscinola, in un seggio elettorale posto all'interno di una scuola di via dell'Abbondanza;
sempre nel comune di Napoli si sono registrate irregolarità nella redazione dei verbali da parte di circa 170 seggi, per un totale di circa 70.000 schede. Tanti, infatti, i verbali che sono stati rispediti indietro dal Viminale ed ora sono all'esame del Tribunale –:
se il Ministro sia a conoscenza della situazione sopra descritta;
quali misure di competenza intenda adottare per prevenire e contrastare condotte illecite ed illegittime nelle procedure di voto in occasione delle consultazioni elettorali;
quali misure intenda attuare affinché nessuno possa fotografare il proprio voto. (4-09441)