• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/09675 con l'arrivo del primo caldo stagionale, la Sicilia è stata interessata da diverse emergenze incendi occorse in diverse province della Sicilia; nella sola provincia di Trapani nei...



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-09675presentato daLUPO Loredanatesto diGiovedì 2 luglio 2015, seduta n. 453

LUPO, MANNINO, MASSIMILIANO BERNINI, DI VITA, PARENTELA, D'UVA, RIZZO, GRILLO, LOREFICE, MARZANA e DI BENEDETTO. — Al Presidente del Consiglio dei ministri, al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, al Ministro dell'interno . — Per sapere – premesso che:
con l'arrivo del primo caldo stagionale, la Sicilia è stata interessata da diverse emergenze incendi occorse in diverse province della Sicilia;
nella sola provincia di Trapani nei giorni scorsi un enorme incendio ha mandato in fumo 190 ettari di vegetazione, di cui 35 di proprietà del comune di Erice, 40 di Valderice e il resto del demanio regionale;
lo scorso anno, per potenziare il dispositivo di soccorso ordinario del Corpo nazionale in Sicilia, su richiesta della direzione regionale vigili del fuoco competente, sono stati effettuati 1.328 richiami di personale vigile del fuoco volontario a orario discontinuo, finalizzati all'implementazione delle squadre operanti nei distaccamenti permanenti e volontari del corpo e all'attivazione dei distaccamenti stagionali;
in questo quadro emergenziale, già di per se preoccupante, si inserisce la vicenda, portata alla luce da un'operazione condotta dal Nucleo di polizia tributaria e dalla Guardia di finanza, della maxi truffa ai anni dell'assessorato regionale territorio e ambiente nell'affidamento e svolgimento del servizio antincendio boschivo della regione, con l'accertamento della fraudolenta aggiudicazione dell'appalto, con le seguenti ipotesi di reato: falsità in atto pubblico, turbata libertà degli incanti, inadempimenti di contratti di pubbliche forniture;
al di là degli aspetti penali della vicenda, è evidente che le false affermazioni dell'associazione temporanea di impresa, aggiudicataria dell'appalto, sulle reali possibilità di svolgimento del servizio antincendio boschivo, determinano un drammatico depotenziamento della capacità di intervento in una regione particolarmente vulnerabile al rischio incendi;
alla luce di quanto emerso dalle suddette indagini e in virtù dell'imminente arrivo della stagione estiva, quali iniziative il Governo intenda adottare al fine di rafforzare, in collaborazione con la regione siciliana, l'azione di prevenzione e tutela del patrimonio boschivo della regione siciliana, garantendo il regolare funzionamento del servizio antincendio
(4-09675)