• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.9/03201-AR/0 ... premesso che: gli articoli 21, 21-ter, 21-quater, 21-quinquies, recano norme per il personale della giustizia, per i tirocinanti dell'amministrazione giudiziaria, disposizioni in...



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/03201-AR/034presentato daCIPRINI Tizianatesto diGiovedì 23 luglio 2015, seduta n. 467

La Camera,
premesso che:
gli articoli 21, 21-ter, 21-quater, 21-quinquies, recano norme per il personale della giustizia, per i tirocinanti dell'amministrazione giudiziaria, disposizioni in materia di uffici giudiziari;
per tamponare la carenza di organico e per consentire a coloro che hanno perso l'occupazione un reinserimento economico e sociale nel mondo del lavoro, si sono svolti presso gli uffici giudiziari di tutta Italia dal 2010 ad oggi, attraverso la stipula di convenzioni tra le amministrazioni giudiziarie e amministrazioni locali utilizzando soprattutto il fondo sociale europeo, tirocini formativi che sono serviti molto spesso a garantire la prosecuzione delle attività giudiziarie nelle procure e nei tribunali d'Italia;
dal 2013, proprio a seguito della loro utilità, attestata dagli uffici giudiziari di tutta Italia, questi tirocinanti sono passati direttamente alle dipendenze del Ministero della giustizia ed inseriti nel ciclo lavorativo, affiancando a tutti gli effetti il personale del Ministero della giustizia, percependo solo un rimborso spese;
l'articolo 1, comma 344, della legge n. 147 del 2013 (legge stabilità 2014), ha stanziato circa 15 milioni di euro per consentire il perfezionamento del completamento del percorso formativo degli oltre 2.600 lavoratori, ma per l'anno 2015, nella legge di stabilità, non sono stati previsti ulteriori finanziamenti e solo con il decreto-legge 31 dicembre 2014, n. 192 (cosiddetto milleproroghe), convertito, con modificazioni, dalla legge 27 febbraio 2015, n. 11, è stata prevista la proroga di quattro mesi di tali tirocini, finanziati attraverso l'utilizzo delle risorse del fondo unico di giustizia fino alla data del 30 aprile 2015;
si tratta di operatori che il Ministero della giustizia ha formato in vista del processo telematico e dell'informatizzazione degli uffici giudiziari e che da cinque anni contribuiscono allo smaltimento dell'arretrato;
eppure nonostante la cronica carenza di personale nell'amministrazione giudiziaria e la sempre maggiore domanda da parte del cittadino ed imprese del servizio Giustizia, la recente legge di Stabilità per il 2015 preclude di fatto al Ministero della Giustizia di procedere ad assunzioni a tempo indeterminato fino al 31 dicembre 2016;

impegna il Governo

a prevedere l'adozione di procedure concorsuali nel rispetto della normativa vigente in materia di assunzioni per pubblico concorso previsto dalla legge volte a rafforzare l'organico dell'amministrazione giudiziaria tenendo conto dell'esperienza e della professionalità acquisita dai cosiddetti precari della giustizia.
9/3201-AR/34. Ciprini, Nesci.