• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA ORALE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.3/02100 DI BIAGIO - Al Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca - Premesso che: la direzione generale per il personale scolastico, afferente al Ministero in indirizzo, ha...



Atto Senato

Interrogazione a risposta orale 3-02100 presentata da ALDO DI BIAGIO
giovedì 23 luglio 2015, seduta n.490

DI BIAGIO - Al Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca - Premesso che:

la direzione generale per il personale scolastico, afferente al Ministero in indirizzo, ha recentemente diramato il decreto direttoriale 6 luglio 2015 n. 680 recante "attuazione delle disposizioni di cui al decreto 3 giugno 2015 n. 326 per l'inserimento nell'elenco aggiuntivo alla II fascia delle Graduatorie di Istituto";

il citato decreto direttoriale n. 680 disciplina, all'articolo 2, l'inserimento negli elenchi aggiuntivi della II fascia d'istituto per le diverse classi di insegnamento, individuando altresì i riferimenti normativi relativi ai punteggi da attribuire ai differenti titoli abilitativi posseduti dai candidati;

risultano all'interrogante forti criticità in riferimento all'aggiornamento delle graduatorie in oggetto per i docenti di strumento musicale afferenti alla classe di insegnamento A077. In particolare, per tali docenti, l'art. 2, comma 3, del citato decreto direttoriale definisce un rimando all'allegato 3 del decreto ministeriale n. 235 del 2014 del Ministero, quale riferimento normativo per individuare i punteggi da attribuire ai titoli posseduti;

è opportuno evidenziare che il citato allegato 3 al decreto ministeriale n. 235 del 2014 ripropone, di fatto, un precedente allegato riferito in prima pubblicazione ad un decreto direttoriale del 2007 e, anche nel successivo 'aggiornamento', di cui all'allegato 3-bis al decreto ministeriale n. 235 del 2014, fa riferimento a quanto statuito da una nota (protocollo n. AOODGPER 6350) del 6 maggio 2009;

in virtù di tali aspetti, i citati riferimenti normativi configurano una situazione in cui la modulistica di riferimento per l'aggiornamento degli insegnamenti di strumento musicale risulta obsoleta e soprattutto fortemente lacunosa, laddove non tiene conto della principale evoluzione normativa intervenuta negli ultimi anni in materia di abilitazioni, anche per l'insegnamento di strumento musicale, con il decreto ministeriale n. 249 del 2010 inerente alla definizione dei percorsi abilitanti per l'insegnamento, quali TFA (tirocinio formativo attivo) e PAS (percorsi abilitanti speciali);

i titoli abilitativi di cui al decreto ministeriale n. 249 del 2010 sono chiaramente menzionati nella modulistica per quanto riguarda le altre classi di insegnamento, garantendo un punteggio di 42 e 66 punti di accesso a seconda della fattispecie abilitativa. Il fatto che una tale scala parametrica risulti difficilmente conciliabile con i parametri attualmente in vigore per la classe di insegnamento di strumento musicale, come definiti dalla menzionata normativa, non giustifica la totale mancanza di considerazione e valorizzazione dell'abilitazione ex decreto ministeriale n. 249 del 2010, che attualmente rappresenta il principale canale abilitativo ufficialmente statuito dal Ministero ed è prevista anche per l'insegnamento in oggetto;

alla luce di tale evoluzione della normativa, sarebbe più opportuno a parere dell'interrogante che le graduatorie, anche per l'insegnamento dello strumento musicale, fossero rimodulate, come da decreto ministeriale n. 326 del 2015, facendo riferimento alla Tabella A, allegata al decreto ministeriale n. 308 del 2014, come per tutte le altre classi;

è opportuno evidenziare che la situazione risulta particolarmente critica anche in virtù delle tempistiche contingentate, che prevedono la consegna della modulistica da parte dei candidati entro la data perentoria del 3 agosto 2015 e che, a meno di un intervento tempestivo, non consentirà loro di vedersi pienamente riconosciuta e valorizzata l'abilitazione ex decreto ministeriale n. 249 del 2010, lasciandoli in una situazione di empasse ed incertezza che, presumibilmente, determinerà il fiorire di un contenzioso amministrativo, suscettibile di avere ripercussioni onerose a carico del dicastero interessato,

si chiede di sapere:

quali iniziative il Ministro in indirizzo intenda avviare al fine di rettificare quanto prima le criticità evidenziate in premessa, garantendo agli insegnanti di strumento musicale la legittima valorizzazione dell'abilitazione conseguita tramite i percorsi di cui al decreto ministeriale n. 249 del 2010, anche al fine di evitare inutili contenziosi;

se non ritenga opportuno avviare quanto prima un'armonizzazione dei parametri di valutazione delle abilitazioni relative all'insegnamento dello strumento musicale, per definire un quadro normativo più organico, che tenga in dovuto conto il nuovo inquadramento dei percorsi abilitativi definito dal decreto ministeriale n. 249 del 2010 e che consenta di uniformare anche questa classe di insegnamento ai parametri della tabella A, allegata al decreto ministeriale n. 308 del 2014, come tutte le classi di insegnamento.

(3-02100)