• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/09990 come si apprende dal Rapporto 2014 dell'unità informazione finanziaria (Uif) di Bankitalia, le segnalazioni di operazioni sospette legate al fenomeno del riciclaggio sarebbero in crescita: nel...



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-09990presentato daSORIAL Girgis Giorgiotesto diVenerdì 24 luglio 2015, seduta n. 468

SORIAL. — Al Ministro dell'economia e delle finanze, al Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione, al Ministro della giustizia, al Ministro dell'interno . — Per sapere – premesso che:
come si apprende dal Rapporto 2014 dell'unità informazione finanziaria (Uif) di Bankitalia, le segnalazioni di operazioni sospette legate al fenomeno del riciclaggio sarebbero in crescita: nel 2014, l'Uif ha ricevuto circa 71.700 segnalazioni di operazioni sospette (quasi 7 mila in più rispetto al 2013), confermando il trend di crescita che, dalle 12.500 segnalazioni del 2007, ha portato a incrementare di quasi sei volte il flusso annuo;
secondo il Rapporto dell'Uif «Le minacce di riciclaggio in Italia sono significative a causa della diffusione e della pervasività della criminalità organizzata, della corruzione e dell'evasione fiscale» e «la corruzione rappresenta una minaccia estremamente preoccupante per il nostro sistema economico-sociale» perché «la diffusa percezione del fenomeno mina la fiducia del cittadino nelle istituzioni e nella politica»;
come spiega il responsabile dell'Unità, Claudio Clemente, le segnalazioni sono la parte emergente di una potente e capillare azione di scrutinio dell'attività economica che gli operatori svolgono a fini di contrasto del riciclaggio e che hanno riguardato anche comparti diversi dall'intermediazione bancaria, quali il risparmio gestito, il private banking, il trading online e l'operatività degli istituti di pagamento; per la prima volta l'Unità ha, inoltre, effettuato accertamenti presso società di revisione, esercenti attività di custodia e trasporto di valori e operatori di gioco;
il rapporto evidenzia come la corruzione sembra essere divenuta anche il mezzo attraverso il quale forme sempre più evolute di criminalità organizzata, che hanno sempre meno bisogno di ricorrere all'intimidazione e alla violenza, perché mirano a integrarsi nelle istituzioni minandole dall'interno, si infiltrano nell'apparato pubblico, orientandone le scelte e così riuscendo ad entrare anche in contesti diversi da quelli tradizionali;
sembrerebbe che gli uffici della pubblica amministrazione siano particolarmente esposti all'incidenza della corruzione per gli appalti e i finanziamenti pubblici, ma, nonostante ciò e nonostante siano sempre stati ricompresi nel novero dei soggetti obbligati alla segnalazione, mostrino ancora scarsa sensibilità per l'antiriciclaggio e in questo modo risultino più vulnerabili;
nella stragrande maggioranza dei casi (85 per cento), le segnalazioni sono arrivate alla Uif della Banca d'Italia, arrivano dalle banche o dalle Poste e solo il 4 per cento dai professionisti, mentre «è pressoché nullo» l'apporto degli uffici della pubblica amministrazione, e a questo proposito il direttore Claudio Clemente afferma che l'Italia deve contrastare «una zona grigia di operatori finanziari disponibili a rendersi strumento del riciclaggio» e che occorre «una scelta di campo tra rifiuto del riciclaggio e connivenza»;
dal rapporto emerge come i centri finanziari off-shore restino un punto fermo per i flussi internazionali di denaro dal nostro Paese: secondo le stime attraggono un volume di liquidità del 30 per cento superiore rispetto a quanto giustificato «dai fondamentali economici e socio-demografici»;
nel rapporto sul 2013 emerge che l'importo complessivo segnalato delle operazioni segnalate lo scorso anno è di 84 miliardi di euro;
con l'intensificarsi della crisi economica «è stata osservata una maggiore diffusione del fenomeno dell'usura, testimoniata da segnalazioni di operazioni sospette raddoppiate nel 2013 rispetto all'anno precedente»; sono stati poi rilevati, in particolare, utilizzi distorti dei finanziamenti pubblici e tra le nuove tendenze non mancano i tentativi di appropriazione attraverso i «compro-oro» e i furti di identità online, con relativi acquisti fraudolenti sfruttando le identità rubate;
nell'interrogazione del 13 giugno del 2014 presentata dall'interrogante ed a tutt'oggi senza risposta, si evidenziava come il costo della corruzione sia altissimo: secondo uno studio di Unimpresa sui costi dell'illegalità, in dieci anni la corruzione avrebbe «mangiato» ben 100 miliardi di euro di prodotto interno lordo in Italia, facendo diminuire gli investimenti esteri del 16 per cento e facendo al contempo aumentare del 20 per cento il costo complessivo degli appalti; inoltre, si sottolineava come la corruzione abbia un impatto molto grave sulla crescita del Paese, perché altera, innanzi tutto, la libera concorrenza e favorisce la concentrazione della ricchezza in mano a coloro che accettano e beneficiano del mercato della tangente a scapito di coloro che invece si rifiutano di accettarne le condizioni; le aziende che operano in un contesto corrotto infatti crescono in media del 25 per cento in meno rispetto alle concorrenti che operano in un'area di legalità, e, in particolare, le piccole e medie imprese hanno un tasso di crescita delle vendite di oltre il 40 per cento inferiore rispetto a quelle grandi –:
se i Ministri interrogati siano al corrente dei fatti esposti in premessa e se non intendano impegnarsi e in che modo, per quanto di competenza, ad attivare delle strategie per contrastare maggiormente quella zona grigia di operatori finanziari disponibili a rendersi strumento del riciclaggio;
se i Ministri interrogati non considerino necessario chiarire le motivazioni della mancata partecipazione delle pubbliche amministrazioni alle operazioni di segnalazione delle operazioni sospette e non intendano, altresì, adoperarsi per promuovere una campagna di sensibilizzazione al problema, per rendere meno vulnerabili le pubbliche amministrazioni alla corruzione, considerato il grave danno che quest'ultima arreca alla collettività. (4-09990)