• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/10030 il 24 luglio 2015, nell'ambito dell'inchiesta denominata «operazione Gambling» coordinata dalla direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria, sono stati eseguiti due provvedimenti...



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-10030presentato daNACCARATO Alessandrotesto diMercoledì 29 luglio 2015, seduta n. 471

NACCARATO, CAMANI, MIOTTO, NARDUOLO, ROSTELLATO e ZAN. — Al Ministro dell'interno. — Per sapere – premesso che:
il 24 luglio 2015, nell'ambito dell'inchiesta denominata «operazione Gambling» coordinata dalla direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria, sono stati eseguiti due provvedimenti cautelari nei confronti degli avvocati veneti XXXXX e Marco Colapinto, con l'accusa di associazione a delinquere, esercizio abusivo di attività di gioco e di scommessa e truffa ai danni dell'Agenzia delle entrate;
XXXXX, e il collega Marco Colapinto, 32 anni, agli arresti domiciliari, è residente a Padova in via Tartini 8 e ha lo studio in via Risorgimento 30;
i due sono considerati dagli inquirenti gli artefici di un complesso sistema costruito per ripulire il denaro di provenienza illecita della ’ndrangheta facendolo transitare da Malta e da altri paradisi fiscali come Antille olandesi, Panama e Romania, tramite società estere di diritto maltese per esercitare abusivamente l'attività di gioco e delle scommesse in Italia eludendo la normativa fiscale e anti-riciclaggio;
i legali sarebbero responsabili della decisione di usare server per la raccolta informatica delle giocate e la relativa gestione all'estero, in modo da aggirare la normativa italiana;
parallelamente gli investigatori avrebbero scoperto una catena di comando che, da ciascuna sala giochi e sala scommesse nel nostro Paese, convergeva verso i vari agenti di zona fino al responsabile regionale (o provinciale) costituendo una rete commerciale strutturata gerarchicamente, in grado di distribuire provvigioni a tutti i partecipanti;
questa rete presente sul mercato web con diversi «siti di casinò» o «circuiti di gambling» avrebbe le sue fondamenta nei consigli tecnici dei due legali destinatari dei provvedimenti cautelari;
XXXXX considerato il consulente legale del sodalizio criminale, esperto nell'eludere la normativa nazionale in materia di giochi e scommesse a distanza ma anche in campo fiscale, avrebbe avuto un ruolo attivo nelle attività di riciclaggio e di intestazione fittizia attraverso società con sedi estere, come le Isole Vergini Britanniche, ma domiciliate in Italia;
tra le società figura Elledi Immobiliary Limited domiciliata a Padova in corso del Popolo 21;
XXXXX, mettendo la propria opera professionale qualificata al servizio dell'associazione criminale, ne avrebbe orientato le strategie e le scelte operative, oltre che organizzative, ponendosi ai vertici del sodalizio;
secondo gli inquirenti, XXXXX sarebbe tra i fautori di avventure societarie intraprese sfruttando le normative di favore, appoggi istituzionali e il coinvolgimento di personaggi legati alle cosche di riferimento come le famiglie Ficara, Alvaro e Pesce;
secondo le indagini, il legale si sarebbe distinto per essersi messo al servizio del gruppo criminale, costruendo meccanismi per frodare l'ordinamento, evitare i controlli delle forze dell'ordine, fornendo consigli e adoperandosi per la costituzione di società di comodo in paradisi fiscali;
la vicenda conferma in modo più che evidente l'allarme più volte lanciato dagli interroganti negli ultimi anni;
il Veneto è un obiettivo per le organizzazioni criminali che hanno scelto la regione per penetrare nel tessuto economico e usarlo come uno strumento per ripulire i proventi illeciti e per aumentare la loro influenza e il loro giro d'affari;
in questa intensa attività di penetrazione nell'economia locale hanno un ruolo fondamentale alcuni professionisti infedeli e compiacenti che si pongono al servizio dei sodalizi criminali, affiliandosi, per eludere la normativa puntando ai cospicui guadagni che solo l'attività illecita può garantire –:
se il Ministro sia al corrente dei fatti sopra esposti;
quali iniziative, di competenza, intenda assumere per proseguire e potenziare l'attività di contrasto delle organizzazioni criminali nel territorio e nel tessuto economico del Veneto. (4-10030)