• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.9/02021/019 in sede di esame del disegno di legge dì conversione, con modificazioni, del decreto legge 27 giugno 2015, n. 83, recante misure urgenti in materia fallimentare, civile e processuale civile e di...



Atto Senato

Ordine del Giorno 9/2021/19 presentato da ERIKA STEFANI
martedì 4 agosto 2015, seduta n. 497

Il Senato,
in sede di esame del disegno di legge dì conversione, con modificazioni, del decreto legge 27 giugno 2015, n. 83, recante misure urgenti in materia fallimentare, civile e processuale civile e di organizzazione e funzionamento dell'amministrazione giudizi aria,
rilevato, altresì, che il provvedimento legislativo in parola,. anche indirettamente, tende a porre norme che vanno ad incidere sull'attuale politica dell'immigrazione, tenuto conto che vengono stabilite disposizioni (articolo 18-ter) afferenti l'applicazione straordinaria di magistrati per l'emergenza connessa; con i procedimenti di riconoscimento dello di persona internazionalmente protetta e altri procedimenti giudiziari connessi ai fenomeni dell'immigrazione;
considerato che:
- il 15 settembre 2014 il Capo Dipartimento per le Libertà Civili e l'Immigrazione del Ministero dell'Interno in. audizione in Commissioni riunite I e II ha dichiarato che dei 125.876 arrivi in Italia dall'inizio dell'anno le richieste di protezione sono state 38.000;
- i centri di identificazione ed espulsione, sono strutture destinate al trattenimento, convalidato dal giudice di pace, degli stranieri extracomunitari irregolari e destinati all'espulsione e si propongono di evitare la dispersione degli immigrati irregolari sul territorio e di consentire la materiale esecuzione, da parte delle forze dell'ordine, dei provvedimenti di espulsione emessi nei confronti degli irregolari;
- l'istituzione e l'operatività di tali centri sono del tutto in linea con quanto dispone e richiede l'Unione europea, poiché è la stessa direttiva 20081115/CE ("direttiva rimpatri") a prevede, agli articoli 15 e 16, il "trattenimento" "in appositi centri di permanenza temporanea" "per il tempo necessario all'espletamento diligente delle modalità di rimpatrio" e ad imporre agli Stati membri, tra cui l'Italia, l'adozione di "norme chiare, trasparenti ed eque per definire una politica di rimpatrio efficace quale elemento necessario di una politica d'immigrazione correttamente gestita";
- oltre al "trattenimento" nei centri dì identificazione ed espulsione, necessario per procedere all'effettiva espulsione dei clandestini, sempre la direttiva cosiddetta rimpatri (direttiva 2008/115/CE) dispone altresì che "al fine di agevolare la procedura di rimpatrio si sottolinea la necessità di accordi comunitari e bilaterali di riammissione con i Paesi terzi";
- secondo i dati del Rapporto sui CIE del luglio 2014 approvato dalla Commissione Straordinaria per la Tutela e Promozione dei Ditini Umani, il numero dei clandestini rimpatriati ne12013 è stato di soli 2.749 rispetto ai 4.015 del 2012;
- vi è da attendersi un numero ancora inferiore per l'anno in corso alla luce della chiusura e riconversione in atto dei Centri di Identificazione ed Espulsione;
- invece, secondo quanto riportato dall'allora rappresentante del Governo pro-tempore nella seduta della I Commissione del 5 luglio 2011 le espulsioni sono state, dal 2008 al 2010, circa 60 mila;
- la Direttiva cosiddetto Rimpatri dispone il trattenimento in appositi centri fino a 18 mesi ai fini non solo dell'identificazione ma soprattutto dell'ammontamento effettivo del clandestino
impegna il Governo:
a rendere effettivo il recepimento della direttiva 2008/115/CE ("Direttiva Rimpatri"), in particolare dell'articolo 15, comma 6, mantenendo i tempi di trattenimento nei cm a 18 mesi e procedendo in modo celere all'identificazione e al rimpatrio dei clandestini presenti sul territorio italiano, mediante anche il rinnovo e la stipula di accordi con i Paesi di origine.
(numerazione resoconto Senato G18-ter.3)
(9/2021/19)
STEFANI, CENTINAIO, ARRIGONI, CALDEROLI, CANDIANI, COMAROLI, CONSIGLIO, CROSIO, DIVINA, STUCCHI, TOSATO, VOLPI