• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/10308 la direttiva 2000/78/CE del Consiglio del 27 novembre 2000 stabilisce un quadro generale per la parità di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro (GUL 303, pagina 16),...



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-10308presentato daPARENTELA Paolotesto diGiovedì 10 settembre 2015, seduta n. 479

PARENTELA, CIPRINI e TRIPIEDI. — Al Ministro del lavoro e delle politiche sociali, al Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione. — Per sapere – premesso che:
la direttiva 2000/78/CE del Consiglio del 27 novembre 2000 stabilisce un quadro generale per la parità di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro (GUL 303, pagina 16), al fine di combattere le svariate tipologie di discriminazione. La direttiva vieta segnatamente, in materia d'impiego, ogni discriminazione direttamente o indirettamente fondata sull'età;
il limite di età per i concorsi pubblici è stato abolito dalla Corte europea anche per quei concorsi che riguardano attività lavorative che richiedono capacità fisiche particolari e, quindi, va da sé che il diritto comunitario non ammette leggi nazionali che possano annoverare l'età tra i requisiti di ammissione;
Garanzia Giovani è un programma rivolto ai giovani tra i 15 e i 29 anni che non sono iscritti a scuola né all'università, che non lavorano e che non seguono corsi di formazione. Con la Garanzia Giovani ogni regione investe in un percorso di formazione o di lavoro per i giovani cosiddetti neet;
l'interrogante pur apprezzando gli sforzi di chiunque voglia mettere fine alla piaga della disoccupazione giovanile non può non contestare interventi miopi della politica finanziati con fondi pubblici: l'accesso di un giovane al mercato del lavoro passa attraverso un percorso di studi che tra laurea magistrale, master, praticantato o stage molto spesso avviene superati i trenta anni –:
se il Governo non ritenga opportuno assumere iniziative per eliminare una volta per tutte il limite di età nei concorsi pubblici come anche nei servizi e nelle politiche attive per il lavoro, poiché fattore discriminante vietato espressamente dalla direttiva 2000/78/CE. (4-10308)