• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.4/04499 PAGLIARI - Al Ministro dello sviluppo economico - Premesso che: il decreto legislativo n. 185 del 2000, recante "Incentivi all'autoimprenditorialità e all'autoimpiego, in attuazione...



Atto Senato

Interrogazione a risposta scritta 4-04499 presentata da GIORGIO PAGLIARI
martedì 15 settembre 2015, seduta n.504

PAGLIARI - Al Ministro dello sviluppo economico - Premesso che:

il decreto legislativo n. 185 del 2000, recante "Incentivi all'autoimprenditorialità e all'autoimpiego, in attuazione dell'articolo 45, comma 1, della legge 17 maggio 1999, n. 144", pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 156 del 6 luglio 2000, prevede, al titolo II, misure in favore dell'autoimpiego e della microimprenditorialità giovanile;

i fondi sono stati fino ad agosto 2015 erogati dal Ministero dello sviluppo economico attraverso Invitalia SpA, l'agenzia nazionale per l'attrazione d'investimenti e lo sviluppo d'impresa SpA (ex Sviluppo Italia);

i fondi erano destinati a favorire l'inserimento nel mondo del lavoro di soggetti privi di occupazione, a qualificare la professionalità dei soggetti beneficiari, promuovere la cultura d'impresa e progetti che facessero riferimento a settori esclusi o sospesi dal CIPE o da disposizioni comunitarie, tramite contributi a fondo perduto e mutui a tasso agevolato, oltre a servizi di assistenza tecnica;

il decreto legislativo prevede misure in favore del lavoro autonomo che riguardano investimenti fino a 25.823 euro, dell'autoimpiego in forma di microimpresa, che programmino investimenti fino a 129.114 euro e dell'autoimpiego in franchising da realizzare con franchisor accreditati con Invitalia;

i fondi erogati da Invitalia hanno favorito, in tutti questi anni, la nascita di oltre 100.000 piccole imprese, soprattutto da parte di persone disoccupate, ovvero in cerca di prima occupazione, prevalentemente giovani e donne, con l'occupazione stabile di circa 220.000 persone ed investimenti per circa 5 miliardi di euro, con un tasso di sopravvivenza a 5 anni di oltre l'80 per cento;

considerato che secondo quanto si apprende dalla lettura del sito internet di Invitalia, a causa dell'esaurimento delle risorse finanziarie, dal 9 agosto 2015 non è più possibile presentare nuove domande di ammissione alle agevolazioni per l'autoimpiego. L'avviso è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 183 del 8 agosto 2015,

si chiede di sapere quale sia la motivazione di una tale scelta, considerato il buon risultato in termini di occupazione e di imprenditorialità del provvedimento e valutato il momento di difficoltà dell'economia italiana, soprattutto nel Meridione.

(4-04499)