• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.4/00875 BITONCI - Ai Ministri dello sviluppo economico e del lavoro e delle politiche sociali - Premesso che: la grave crisi economica sta avendo pesanti ripercussioni sul sistema economico...



Atto Senato

Interrogazione a risposta scritta 4-00875 presentata da MASSIMO BITONCI
giovedì 19 settembre 2013, seduta n.106

BITONCI - Ai Ministri dello sviluppo economico e del lavoro e delle politiche sociali - Premesso che:

la grave crisi economica sta avendo pesanti ripercussioni sul sistema economico italiano, con migliaia di imprese di diversi settori che lamentano da tempo una contrazione del fatturato e degli ordini, ed è ulteriormente acuita dal fatto che presso molti enti locali, Comuni e Regioni, i pagamenti dei lavoratori sono rallentati dai vincoli del patto di stabilità interno;

la cessazione delle attività imprenditoriali e il conseguente licenziamento delle persone occupate, in numerosi casi, ed in Veneto in particolare, hanno determinato uno stato psicologico diffuso di sconforto tanto negli imprenditori quanto negli operai, trasformatosi purtroppo in alcuni drammatici episodi di suicidio;

secondo alcune statistiche, nel primo semestre del 2013, sono 76 i suicidi per motivi economici in Italia, 165 da gennaio 2012, e 12 di questi sono avvenuti in Veneto, regione che detiene un triste primato al riguardo;

organi di stampa locale ("Il Mattino di Padova", "il Gazzettino" ed "il Corriere del Veneto") riportano in questi giorni la notizia secondo la quale a Sant'Angelo di Piove di Sacco (Padova), un imprenditore cinquantasettenne si sarebbe suicidato con un cavo elettrico nella sede della sua azienda;

l'imprenditore era il titolare della "3B" di Sant'Angelo di Piove di Sacco, azienda che produce ruote e componenti per biciclette;

sembra che, dopo aver annunciato ai due dipendenti, in mattinata, la volontà di cessare l'attività a causa dei debiti accumulati, poco dopo l'ora di pranzo avrebbe assunto la tragica decisione;

la notizia segue di poche settimane quelle relative ad un altro suicidio, avvenuto sempre nell'area di Piove di Sacco, quando un giovane di Ponte San Nicolò (Padova) si sarebbe suicidato schiantandosi con la sua auto contro un parapetto di un'azienda di Legnaro (Padova);

gli agenti di Polizia intervenuti presso l'abitazione del giovane avrebbero rinvenuto tre biglietti in cui la vittima spiegava le origini del gesto; secondo questi documenti sembra che lo stesso ragazzo fosse da tempo in difficoltà a causa dell'assenza di un lavoro stabile, e che l'insoddisfazione professionale dovuta alla mancanza di una occupazione sarebbe cresciuta con il passare dei mesi fino a portare al tragico gesto,

si chiede di sapere se i Ministri in indirizzo, in ragione della grave crisi economica e delle pesanti ripercussioni che questa sta determinando anche a livello sociale sugli imprenditori, sugli impiegati e gli operai, non ritengano opportuno adottare opportune iniziative per sostenere il rilancio economico delle aziende della Saccisica.

(4-00875)