• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/10608 numerose realtà musicali, di rilevanza nazionale si sono viste privare idei contributi statali in conseguenza dei provvedimenti relativi ai finanziamenti per l'anno in corso e sino al 2017...



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-10608presentato daTANCREDI Paolotesto diMartedì 6 ottobre 2015, seduta n. 496

TANCREDI. — Al Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo . — Per sapere – premesso che:
numerose realtà musicali, di rilevanza nazionale si sono viste privare idei contributi statali in conseguenza dei provvedimenti relativi ai finanziamenti per l'anno in corso e sino al 2017 relativi al fondo unico per lo spettacolo, a seguito di incongrue valutazioni assunte dalla commissione musica del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, come dichiarato pubblicamente anche dal Sottosegretario Ilaria Borletti Buitoni;
nel territorio abruzzese è risultata ingiustamente penalizzata dai tagli dei finanziamenti una tra le più importanti istituzioni musicali della regione quale è la Società della musica e del teatro «Primo Riccitelli» di Teramo;
a seguito della richiesta di accesso agli atti da parte della suddetta Società il dirigente di riferimento, in data 7 settembre 2015, ha comunicato di non poter mettere a disposizione la documentazione richiesta, non essendo ancora stato approvato il verbale del 1o luglio 2015, relativo alla seduta della Commissione musica; tale circostanza appare evidentemente incomprensibile, dal momento che, se ciò fosse vero, il decreto direttoriale di assegnazione – o non – dei contributi sarebbe stato emanato sulla base di determinazioni della commissione contenute in un verbale non formalmente approvato;
la suddetta Società costituisce per il territorio abruzzese un patrimonio prezioso, da gestire con responsabilità e consapevolezza, a tutela di una insopprimibile continuità di promozione e diffusione della cultura musicale di rilievo internazionale, da consolidare ed elevare ulteriormente anche negli anni a venire;
le stagioni concertistiche organizzate dalla suddetta Società sono state sempre contraddistinte da cartelloni di altissima qualità, ospitando concertisti di indiscusso prestigio internazionale, come testimoniato dal sempre numeroso riscontro di pubblico – comprensivo di una folta percentuale di giovani – e dalle precedenti erogazioni di denaro pubblico ottenute per ben ventisette anni dal, fondo unico per lo spettacolo ininterrottamente, in base a oggettivi criteri di merito e di indiscutibile qualità artistica delle proposte musicali formulate (cfr.www.primoriccitelli.it);
l'esclusione dal finanziamento della Società Primo Riccitelli avrà effetti negativi e gravissimi sulla stagione concertistica 2015/2016 che non potrà essere più realizzata, con conseguente perdita di pubblico e di indotto economico; sulla copertura del deficit di bilancio originato dalla mancanza del finanziamento statale la cui comunicazione è avvenuta solo nel mese di agosto, ad attività; peraltro, quasi completamente attuata; sulla tutela dei dipendenti e sulla possibilità di realizzare nuove e altrettanto valide stagioni nei prossimi anni;
l'ammissione da parte del Sottosegretario di un errore diffuso, che penalizza realtà storiche e fondanti l'identità musicale del nostro Paese (cfr. www.ilariaborletti.it) genera dubbi sulla congruità della complessiva valutazione svolta dalla commissione ministeriale per l'assegnazione dei contributi statali per il triennio 2015/2017 –:
se la valutazione della gestione e della qualità artistica dei programmi musicali compiuta dalla commissione ministeriale per l'assegnazione dei contributi statali rientranti nel fondo unico per lo spettacolo 2015/2017 sia avvenuta con oggettivi criteri di merito e se la conseguente graduatoria sia derivata da un attento e approfondito vaglio del valore artistico-culturale delle proposte esaminate;
quali iniziative si intendano assumere nei confronti delle istanze di tutte quelle realtà musicali che si sono viste privare dei contributi statali – o che hanno subito una consistente riduzione degli stessi – in conseguenza dei provvedimenti relativi ai finanziamenti fondo unico per lo spettacolo per l'anno in corso e per i prossimi due. (4-10608)