• Testo INTERPELLANZA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.2/00075 MORRA, BUCCARELLA, GIARRUSSO, MOLINARI - Ai Ministri della giustizia e dell'interno - Premesso che con decreto del Ministro della giustizia, in applicazione dell'articolo 8 del decreto...



Atto Senato

Interpellanza 2-00075 presentata da NICOLA MORRA
mercoledì 25 settembre 2013, seduta n.111

MORRA, BUCCARELLA, GIARRUSSO, MOLINARI - Ai Ministri della giustizia e dell'interno - Premesso che con decreto del Ministro della giustizia, in applicazione dell'articolo 8 del decreto legislativo n. 155 del 2012, ha autorizzato per un periodo di 2 anni a decorrere dalla data di entrata in vigore dello stesso decreto legislativo, la trattazione dei procedimenti civili ordinari e delle controversie in materia di lavoro, di previdenza e assistenza obbligatoria pendenti alla data del 13 settembre 2013 presso un numero limitato di sedi soppresse nell'ambito della riforma della geografia giudiziaria, tra cui quella di Rossano (Cosenza);

considerato che, per quanto risulta agli interpellanti:

il TAR Calabria con tre distinti provvedimenti ha sospeso tutte le operazioni di trasloco degli arredi del Tribunale di Castrovillari (Cosenza), dei fascicoli e del personale amministrativo e giudiziario (tribunale e procura), con l'eccezione di quanto stabilito nel decreto n. 1779/13, nel senso che i due altri decreti "non debbano incidere sull'attività giudiziaria con riferimento alla scadenza dei termini di custodia cautelare, alla decorrenza dei termini di prescrizione e alla decorrenza dei termini per le indagini preliminari";

nonostante le pronunce favorevoli del TAR Calabria il presidente del Tribunale di Castrovillari e il presidente di sezione penale dello stesso, con diversi ordini di servizio dal 16 settembre 2013 in poi, hanno fatto prelevare diversi fascicoli penali delle udienze del mese di settembre;

un primo asporto è avvenuto nelle prime ore del mattino del 18 settembre 2013 a mezzo di un blitz delle forze del commissariato di Polizia, nonostante la prima sospensiva del TAR, ed un secondo blitz è avvenuto tra le ore 14 e le ore 15 del 24 settembre, nonostante fossero già stati emessi tutti e tre i decreti di sospensione del TAR;

desta particolare preoccupazione il fatto che l'ordine di servizio del 24 settembre, avente ad oggetto il prelievo dei fascicoli delle residuali udienze di settembre 2013, sarebbe stato comunicato alle sole forze dell'ordine e non alla cancelleria competente, la quale avrebbe ottemperato solo in base alla semplice esibizione dello stesso ordine di servizio da parte degli agenti di polizia;

considerato inoltre che per quanto risulta il presidente di sezione penale del Tribunale di Castrovillari, con decreto n. 28/13 del 20 settembre 2013 ha disposto il rinvio a data da destinarsi delle udienze dibattimentali, monocratiche e collegiali, del 23, 24, 25, 26, 27 e 30 settembre 2013 e delle udienze gup del 25, 26, 30 settembre 2013, già fissate dal soppresso tribunale di Rossano innanzi al tribunale e al gup di Castrovillari, in apparente contrasto con il decreto ministeriale di cui in premessa; mentre con decreto n. 33/13 del 24 settembre ha disposto la revoca del precedente decreto n. 28 del 2013,

si chiede di sapere:

se il Governo sia a conoscenza dei gravi fatti illustrati;

quali intendimenti urgenti intenda porre in essere al fine di conferire legittimo e cogente valore ordinamentale alle determinazioni della giustizia amministrativa calabrese,

anche valutando i connessi rischi riferiti alla sicurezza e all'ordine pubblico;

se il Ministro della giustizia non ritenga di dover valutare la possibilità di attivare il proprio potere ispettivo presso il Tribunale di Castrovillari, allo scopo esclusivo di accertare se i servizi giudiziari abbiano proceduto secondo le leggi, i regolamenti e le istruzioni vigenti.

(2-00075)