• Testo della risposta

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/06879 il nostro è il Paese che gioca di più in Europa, terzo al mondo dopo Stati Uniti e Giappone, e pur rappresentando solo l'1 per cento della popolazione mondiale, vanta il triste primato di...



Atto Camera

Risposta scritta pubblicata Giovedì 5 novembre 2015
nell'allegato al bollettino in Commissione VI (Finanze)
5-06879

L'Interrogante dopo aver stigmatizzato che l'Italia è il Paese in Europa ove il gioco è più diffuso, terzo al mondo dopo Stati Uniti e Giappone, mette in evidenza un dato «raccapricciante» relativo alla diffusione delle così dette vincite istantanee, i «gratta e vinci» che con una percentuale di biglietti venduti pari al 19 per cento, vanta un primato mondiale di vendite.
Pertanto, chiede di conoscere quanti siano i biglietti del «gratta e vinci» venduti negli anni 2012, 2013 e 2014, quale sia il gettito complessivo e quale sia la rete di distribuzione degli stessi.
Al riguardo, l'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli riferisce i seguenti dati.
Il numero complessivo dei «gratta e vinci» venduti, negli anni indicati, è il seguente:
2012: 2.098.187.185
(duemiliardinovantottomilionicentoottantasettemilacentoottantacinque);
2013: 1.970.773.798
(unmiliardonovecentosettantamilionisettecentosettantatremilasettecentonovantotto;
2014: 1.902.937.618
(unmiliardonovecentoduemilioninovecentotrentasettemilaseicentodiciotto).

La raccolta complessiva dei «Gratta&Vinci», negli anni indicati, è la seguente:
2012: 9.728.971.040
(novemiliardisettecentoventottomilioninovecentosettantunomilaquaranta euro);
2013: 9.573.828.731
(novemiliardicinquecentosettantatremilioniottocentoventottomilasettecentotre euro);
2014: 9.403.331.791
(novemiliardiquattrocentotremilionitrecentotrentunomilasettecentonovantuno euro).

Il gettito complessivo per lo Stato, negli anni indicati, è il seguente (si ricorda che una percentuale non superiore al 75 per cento viene distribuita in vincite):
2012: 1.593.837.778
(unmiliardocinquecentonovantatremilioniottocentotrentasettemilasettecentosettantotto euro);
2013: 1.478.613.591
(unmiliardoquattrocentosettantottomilioniseicentotredicimilacinquecentonovantuno euro);
2014: 1.451.698.911
(unmiliardoquattrocentocinquantunomilioniseicentonovantottomilanovecentoundici euro).

I canali di distribuzione sono costituiti da esercizi pubblici (bar), tabaccherie, edicole, autogrill.