• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.9/03444-A/318    premesso che:     il comma 548-septies dell'articolo 1 del disegno di legge di stabilità, introdotto mediante l'approvazione dell'emendamento governativo in materia di...



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/03444-A/318presentato daLACQUANITI Luigitesto diSabato 19 dicembre 2015, seduta n. 540

   La Camera,
   premesso che:
    il comma 548-septies dell'articolo 1 del disegno di legge di stabilità, introdotto mediante l'approvazione dell'emendamento governativo in materia di sicurezza, attribuisce per l'anno 2016 un contributo straordinario pari a 960 euro su base annua, da corrispondere in quote di pari importo a partire dalla prima retribuzione utile e in relazione al periodo di servizio prestato nel corso del predetto anno, in favore del personale appartenente ai Corpi di polizia, al Corpo nazionale dei vigili del fuoco e alle forze armate, non destinatario di un trattamento retributivo dirigenziale;
    l'emolumento è corrisposto nelle more dell'attuazione della delega sulla revisione dei ruoli delle forze di polizia, del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e delle forze armate, e nella prospettiva dello stabile riconoscimento dell'impegno profuso ai fini di fronteggiare le eccezionali esigenze di sicurezza nazionale;
    l'attuale formulazione potrebbe ingenerare dubbi interpretativi sugli effettivi destinatari dell'intervento, nella considerazione che il personale delle forze armate e forze di polizia appartenente ai ruoli direttivi percepisce, in ragione di determinate anzianità di servizio, un trattamento economico superiore, consistente nella parziale attribuzione di alcune voci stipendiali del trattamento dirigenziale, attesa la diversa natura delle funzioni espletate;
    il personale direttivo svolge funzioni strettamente e immediatamente connesse con la sicurezza nazionale nell'ambito articolazioni delle Istituzioni di appartenenza, analoghe a quelle del personale dei ruoli non direttivi e non dirigenti;
    lo stesso personale, al pari di quello contrattualizzato, è stato destinatario del blocco delle progressioni stipendiali ai sensi del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, prorogato dal decreto del Presidente della Repubblica 4 settembre 2013, n. 122, senza poter avere la restituzione dei compensi arretrati che invece hanno avuto i dirigenti in attuazione di sentenze della Corte Costituzionale,

impegna il Governo

a valutare l'opportunità di dare correttamente attuazione all'espressione «personale non destinatario di un trattamento retributivo dirigenziale» come «personale dirigente», nel senso che essa è riferita al personale dirigente (dirigenti generali, dirigenti superiori e primi dirigenti) e non anche al personale, civile e militare, del comparto, di qualifica o grado inferiore.
9/3444-A/318. (Testo modificato nel corso della seduta)  Lacquaniti.