• Testo RISOLUZIONE IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.7/00884    premesso che:     i criteri con cui si decidono le tariffe nei parcheggi dei grandi aeroporti risultano alla firmataria del presente atto iniqui, incoerenti e difficilmente...



Atto Camera

Risoluzione in commissione 7-00884presentato daBERGAMINI Deborahtesto diVenerdì 15 gennaio 2016, seduta n. 548

   La IX Commissione,
   premesso che:
    i criteri con cui si decidono le tariffe nei parcheggi dei grandi aeroporti risultano alla firmataria del presente atto iniqui, incoerenti e difficilmente comprensibili al pari dei criteri relativi alle concessioni ai gestori degli stessi;
   l'applicazione delle tariffe nei parcheggi dei vari aeroporti italiani risulta perfino paradossale, laddove stabilisce la gratuità della prima frazione di ora salvo poi prevedere l'applicazione di tariffe elevatissime per il tempo eccedente tale frazione, peraltro del tutto insufficiente per ultimare semplici operazioni di accompagnamento o di ripresa dei passeggeri;
   tariffe così alte producono conseguenze che incidono negativamente sulla gestione del traffico, congestionato da utenti che, pur di non pagare, sostano fuori dal perimetro del parcheggio o nelle vicinanze dell'entrata, intralciando il traffico di chi transita,
   l'Ente nazionale per l'aviazione civile (ENAC), soggetto regolatore di tutte le attività legate al trasporto aereo in Italia, non ha competenze di vigilanza o approvazione, in quanto l'imposizione di queste tariffe non rientra nelle convenzioni che regolano i rapporti fra ENAC e le società che si occupano della gestione;
   non è disponibile una mappatura completa ed efficiente delle tariffe aeroportuali applicate nei vari scali nazionali, necessaria per l'elaborazione di linee guida utili per i gestori degli aeroporti, al fine di consentire loro di realizzare legittimi ricavi senza però gravare eccessivamente sulle tasche dei cittadini;
   la determinazione delle tariffe dei parcheggi aeroportuali e la gestione dei posti spesso è svolta da ditte o imprese di settore attraverso atti di subconcessione rendendo ancor più difficile una regolamentazione generale o, comunque, un'indicazione generale sul comportamento da mettere in pratica,

impegna il Governo:

   ad intraprendere le opportune iniziative volte ad ottenere l'applicazione di tariffe più eque, che generino ricavi senza incidere così pesantemente sulle tasche dei cittadini;
   ad assumere iniziative per realizzare la tanto auspicata mappatura delle tariffe dei parcheggi aeroportuali degli scali nazionali, indispensabile per la formulazione di linee guida, sia per i gestori degli aeroporti, sia per le eventuali ditte o imprese deputate alla gestione.
(7-00884) «Bergamini».