• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/02418 secondo quanto si apprende dalla stampa, Palantir è un software in grado di gestire i dati di milioni di persone senza limitazioni di quantità; questo sofisticato programma, «creato e...



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-02418presentato daTONINELLI Danilotesto diMercoledì 6 novembre 2013, seduta n. 112

TONINELLI, COZZOLINO, D'AMBROSIO, DIENI, DADONE e NUTI. — Al Ministro dell'economia e delle finanze, al Ministro della difesa, al Ministro dell'interno . — Per sapere – premesso che:
secondo quanto si apprende dalla stampa, Palantir è un software in grado di gestire i dati di milioni di persone senza limitazioni di quantità;
questo sofisticato programma, «creato e sviluppato da Ebay, PayPal e da un fondo di investimento della Cia», utilizzerebbe algoritmi di ultima generazione per scoprire relazioni invisibili (La Repubblica del 19 giugno del 2013);
Palantir è «probabilmente il più potente software in circolazione per rivoltare da cima a fondo un database. È quello che la Nsa (National Security Agency) statunitense utilizza per i tabulati forniti da Verizon, al centro dello scandalo datagate» (La Repubblica del 19 giugno 2013);
risulta addirittura che Palantir sia stato capace di individuare l'esatto luogo dove si trovava Osama bin Laden attraverso le immagini apparse in occasione del suo video messaggio;
questo potentissimo strumento investigativo è stato acquistato dal Ministero della difesa ed è attualmente utilizzato dai carabinieri del Ros;
Palantir non viene impiegato soltanto per rintracciare terroristi. Risulta infatti dalla stampa che Palantir «è in stato di sperimentazione anche dall'Agenzia delle entrate, di Equitalia e delle Poste Italiane. Questo sistema infatti oltre che per finalità civili può essere utilizzato anche per le frodi fiscali e contabili» (Il Fatto Quotidiano del 25 ottobre 2013);
in particolare, «Equitalia, che ha un database di 40 milioni di contribuenti con tutte le informazioni sulle riscossioni degli enti pubblici (pagamenti effettuati, iscrizioni a ruolo, multe, cartelle esattoriali), lo utilizza per scoprire elusioni e frodi interne. Fatto lavorare sull'intera anagrafe tributaria, può rintracciare le scatole cinesi, le intestazioni fittizie di beni e società, le “triangolazioni societarie” possibili per evadere le tasse» (La Repubblica del 19 giugno 2013);
Equitalia è stata più volte criticata a causa dei suoi metodi invasivi nei confronti dei contribuenti –:
se quanto riportato in premessa corrisponda al vero, ed in particolare, se risulti che il sistema Palantir sia in stato di sperimentazione da parte di Equitalia ed, in caso affermativo, quali siano i risultati ottenuti;
se l'utilizzo del sistema Palantir da parte di Equitalia garantisca il diritto alla privacy dei cittadini. (4-02418)