• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/07736    lo schieramento italiano sul territorio iracheno — fra Erbil, Bagdad, Kirkuk compreso lo stanziamento aeronautico in Kuwait — impiega al momento circa 700 militari, inquadrati nella...



Atto Camera

Interrogazione a risposta immediata in commissione 5-07736presentato daDURANTI Donatellatesto diMercoledì 10 febbraio 2016, seduta n. 566

   DURANTI, PIRAS e SCOTTO. — Al Ministro della difesa . — Per sapere – premesso che:
   lo schieramento italiano sul territorio iracheno — fra Erbil, Bagdad, Kirkuk compreso lo stanziamento aeronautico in Kuwait — impiega al momento circa 700 militari, inquadrati nella cosiddetta « Coalition of the Willing» a guida americana;
   a quanto si apprende dagli organi di stampa (fra cui  laRepubblica.it) si affiancheranno a questi i 450 previsti per la difesa dei lavori della diga di «Mosul» — in seguito all'affidamento dei lavori alla azienda «Trevi» di Cesena — ed altri possibili 130 operatori di soccorso, dotati di elicotteri attrezzati per il recupero dei servizi e di un campo di assistenza;
   in tal modo, il contingente italiano arriverebbe a contare oltre 1300 uomini – di cui circa 1000 in Iraq — divenendo quindi il secondo come consistenza nello schieramento internazionale dopo quello americano. Fra le notizie trapelate ci sarebbe anche la possibilità della nascita di un comando italiano per l'Iraq;
   sempre a quanto si apprende dagli organi di stampa — anche in seguito alla missiva indirizzata alla Ministra Roberta Pinotti dal segretario americano alla Difesa Ashton Carter – il Pentagono avrebbe richiesto all'Italia un impegno maggiore in Iraq, con l'eventuale possibilità di una modifica delle regole di ingaggio;
   la precedente proroga delle missioni internazionali delle Forze armate e di polizia è scaduta il 31 dicembre 2015 e ad oggi il Consiglio dei ministri non si è ancora espresso per il rinnovo della stessa –:
   se quanto esposto in premessa corrisponda al vero e se il Ministro interrogato non ritenga di fornire elementi circa ogni eventuale iniziativa di modifica delle missioni internazionali in corso, con particolare riferimento al dispiegamento in Iraq. (5-07736)