• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/12188    la cosiddetta settima salvaguardia degli esodati, confluita nella legge di stabilità per il 2016, non può considerarsi esaustiva della problematica;    nonostante le ripetute...



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-12188presentato daGUIDESI Guidotesto diLunedì 22 febbraio 2016, seduta n. 574

   GUIDESI e SIMONETTI. — Al Ministro del lavoro e delle politiche sociali . — Per sapere – premesso che:
   la cosiddetta settima salvaguardia degli esodati, confluita nella legge di stabilità per il 2016, non può considerarsi esaustiva della problematica;
   nonostante le ripetute promesse del Governo, nell'autunno 2015, che tutti gli esclusi dai sei precedenti provvedimenti di salvaguardia sarebbero stati computati nel settimo provvedimento e nessuno sarebbe rimasto indietro, così non è stato;
   su una platea di 49.500 lavoratori esodati in attesa di salvaguardia, con la cosiddetta «settima» il Governo ne ha salvaguardo «solo» 26.300, lasciando fuori gli altri 23.200 (COSIDDETTI 15enni, ante 2007, licenziati unilaterali, ex postali, e altri), come sempre, per ragioni di finanza pubblica, avendo il Governo di fatto sottratto le risorse confluite nel «Fondo esodati» per destinarle ad altri scopi;
   tra i non salvaguardati vi sono ancora gli ex dipendenti delle Poste che hanno firmato accordi per ritirarsi dal lavoro, con la prospettiva di rimanere per alcuni anni senza «paracadute» reddituale — fatta eccezione per la buonuscita — in attesa di raggiungere i requisiti pensionistici;
   per alcuni di essi, con la famigerata «riforma Fornero» del 2011, la data del pensionamento è slittata dal 2015 al 2023, lasso temporale più che assurdo a parere degli interroganti;
   è inevitabile infatti, l'allungamento per tanti anni dei termini per il raggiungimento dei requisiti pensionistici; ciò ha comportato che la somma pattuita tra le parti per soddisfare le annualità che dovevano precedere la pensione risulti ora oltremodo insufficiente rispetto alle esigenze e alle aspettative di vita  –:
   quale sia il numero dei lavoratori «ex postali» che hanno accettato l'esodo incentivato prima dell'emanazione del decreto-legge n. 211 del 2011 «Fornero» e che maturano i requisiti pensionistici nel 2018. (4-12188)