• Testo MOZIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.1/01181    premesso che:     la prossima sessione speciale dell'Assemblea generale Onu sulle sostanze stupefacenti (Ungass), che si terrà dai 16 al 21 aprile a New York, prevede...



Atto Camera

Mozione 1-01181presentato daFARINA Danieletesto diLunedì 29 febbraio 2016, seduta n. 579

   La Camera,
   premesso che:
    la prossima sessione speciale dell'Assemblea generale Onu sulle sostanze stupefacenti (Ungass), che si terrà dai 16 al 21 aprile a New York, prevede una riconsiderazione delle convenzioni internazionali che hanno approvato le politiche di «war on drugs» a scapito di quelle di «riduzione del danno», di prevenzione e, in generale, di diverse strategie di contrasto al fenomeno e al narcotraffico internazionale;
    tale sessione speciale dell'Assemblea generale dell'ONU è stata anticipata, rispetto alla scadenza naturale del 2019, anche a fronte della richiesta urgente di numerosi Paesi latino americani per una revisione immediata degli indirizzi di politica globale fin qui seguiti sulle droghe in relazione al loro ormai manifesto fallimento;
    in numerosi altri Paesi sono già intervenute modifiche legislative, anche a seguito di interventi referendari, verso il superamento del quadro normativo esistente e dell'orientamento contenuto nelle determinazioni delle precedenti Assemblee Generali ONU;
    in tal senso, si è espresso anche un importante numero di organizzazioni non governative a livello interno ed internazionale;
    considerato il cambiamento di approccio in atto nelle politiche globali sulle sostanze stupefacenti, appare indispensabile definire un'adeguata proposta di riforma del testo unico sugli stupefacenti attualmente vigente nel nostro Paese e una piattaforma per un suo nuovo ruolo internazionale, anche in relazione al bilancio oggi possibile a fronte dei mutamenti intervenuti a seguito della sentenza della Corte costituzionale e delle modifiche legislative ad essa succedute;
    in vista di un appuntamento internazionale tanto importante non può non destare preoccupazione il fatto che in Italia manchi un chiaro indirizzo verso gli organismi istituzionalmente preposti e rappresentativi anche nelle sedi internazionali,

impegna il Governo:

   a recepire i contributi e a coinvolgere le organizzazioni internazionali non governative che hanno lavorato in relazione a Ungass 2016;
   ad assumere, nella sede di Ungass 2016, una posizione netta e chiara volta ad includere nel documento finale i temi dello sviluppo delle politiche di riduzione del danno e della prevenzione, della piena disponibilità di sostanze ad uso medico, del riconoscimento del principio della proporzionalità delle pene, della riforma della giustizia penale e di promozione di alternative al carcere, nonché di piena decriminalizzazione del consumo personale;
   ad assumere iniziative per istituire un gruppo tecnico di esperti per analizzare le sperimentazioni in atto a seguito di modifiche normative intervenute o in corso nei singoli Stati e in rapporto alle Convenzioni internazionali sulle droghe.
(1-01181) «Daniele Farina, Scotto, Sannicandro, Fratoianni, Franco Bordo, Costantino, Duranti, Melilla, Paglia, Piras, Placido, Ricciatti, Zaccagnini».