• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/07967    il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare ha chiesto un parere dell'Avvocatura dello Stato sulla regolarità delle procedure di approvazione del piano del Parco...



Atto Camera

Interrogazione a risposta in commissione 5-07967presentato daPILI Maurotesto diMercoledì 2 marzo 2016, seduta n. 581

   PILI. — Al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare . — Per sapere – premesso che:
   il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare ha chiesto un parere dell'Avvocatura dello Stato sulla regolarità delle procedure di approvazione del piano del Parco dell'arcipelago di La Maddalena;
   lo strumento di pianificazione era stato approvato il 30 ottobre dal Consiglio del Parco;
   il piano regola la gestione delle aree a terra e a mare dell'arcipelago;
   la regione Sardegna avrebbe iniziato l'esame nel mese di gennaio 2016;
   la regione deve esprimersi sul piano entro tre mesi;
   la regione, che a giudizio dell'interrogante ha supinamente accettato questo «stop» illogico e irrazionale del Ministero, ha bloccato con modalità di dubbia legittimità l'approvazione del piano del Parco;
   nel piano approvato è previsto il livello massimo di tutela sull'isola di Budelli, vincolo introdotto nel 2014 e poi cancellato dalla votazione del consiglio direttivo qualche settimana prima;
   la votazione è avvenuta regolarmente, tra l'altro con la presenza sia dei rappresentanti statali che regionali che hanno votato a favore dei vincoli integrali nell'isola di Budelli;
   l'assenza del piano del Parco aveva finito di fatto, vergognosamente, per favorire la scalata di un magnate alla proprietà dell'isola di Budelli;
   l'ente parco aveva legittimamente esercitato il diritto di prelazione avallato dal Tar della Sardegna, ma ribaltato da una sentenza del tutto non condivisibile del Consiglio di Stato;
   venute meno le possibili azioni speculative del magnate, vista la riserva integrale sull'isola di Budelli, lo stesso comunicava di rinunciare all'acquisto;
   senza il piano il parco non potrebbe esercitare il diritto di prelazione e verrebbe escluso dall'acquisizione del bene;
   i quotidiani sardi hanno riportato la notizia di una inchiesta della procura di Tempio sull'intera vicenda;
   occorre, ad avviso dell'interrogante, conoscere le date esatte con le quali il Ministero abbia messo in atto il blocco dell'approvazione del piano al fine di valutare se lo stesso non sia avvenuto prima della decisione del magnate di rinunciare all'acquisto dell'isola;
   è evidente che se tale parere, già di per sé fuori luogo e irragionevole vista la presenza dei rappresentanti statali alla votazione, fosse stato chiesto prima della rinuncia del magnate, lo stesso blocco assumerebbe secondo l'interrogante ben altra valenza, anche sul versante giudiziario;
   non sfuggirà che il piano presentato dal magnate prevedeva, con modalità fortemente dubbia sul piano della legittimità, rilevanti aumenti volumetrici e aree interdette, e il tentativo di rimetterlo in gioco con lo «stop» al piano ed eventualmente la cancellazione del vincolo integrale rappresenterebbe chiarissimamente un tentativo di agevolare e favorire l'interesse privato a scapito di quello pubblico –:
   se non ritenga di dover con urgenza dare il «via libera», per quanto di competenza, al piano del parco dell'arcipelago di La Maddalena;
   se non ritenga di dover far conoscere le ragioni e le date della trasmissione degli atti dell'Avvocatura di Stato.
(5-07967)