• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.0/02237/046/ ... in sede di esame del disegno di legge AS 2237 "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 30 dicembre 2015, n. 210, recante proroga di termini previsti da disposizioni...



Atto Senato

Ordine del Giorno 0/2237/46/0105 presentato da JOHANN KARL BERGER
giovedì 18 febbraio 2016, seduta n. 016

Il Senato,
in sede di esame del disegno di legge AS 2237 "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 30 dicembre 2015, n. 210, recante proroga di termini previsti da disposizioni legislative",
premesso che
l'articolo 43, comma 4, del decreto legislativo 14 settembre 2015, n. 148, recante "Disposizioni per il riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in costanza di rapporto di lavoro, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183" prevede che:
"Con esclusivo riferimento agli eventi di disoccupazione verificatisi tra il 1º maggio 2015 e il 31 dicembre 2015 e limitatamente ai lavoratori con qualifica di stagionali dei settori produttivi del turismo e degli stabilimenti termali, qualora la durata della NASpl, calcolata ai sensi dell'articolo 5 del decreto legislativo n. 22 del 2015, sia inferiore a 6 mesi, ai fini del calcolo della durata non si applica il secondo periodo del comma 1 di tale articolo, relativamente ad eventuali prestazioni di disoccupazione ordinaria con requisiti ridotti e Mini-ASpl 2012 fruite negli ultimi quattro anni. In ogni caso, la durata della NASpl corrisposta in conseguenza dell'applicazione del primo periodo non può superare il limite massimo di 6 mesi. All'onere derivante dai primi due periodi del presente comma valutato in 32,8 milioni di euro per l'anno 2015 e in 64,6 milioni di euro per l'anno 2016 si provvede mediante corrispondente riduzione del fondo di cui all'articolo 1, comma 107, della legge 23 dicembre 2014, n. 190, come rifinanziato dal presente articolo. Ai sensi dell'articolo 17, comma 12, della legge 31 dicembre 2009, n. 196, il Ministero dell'economia e delle finanze e il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, anche avvalendosi del sistema permanente di monitoraggio e valutazione istituito ai sensi dell'articolo 1, comma 2, della legge n. 92 del 2012 provvedono, con le risorse umane, strumentali e finanziarie disponibili a legislazione vigente e senza nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica, al monitoraggio degli effetti finanziari derivanti dalla disposizione di cui al primo periodo del presente comma. Nel caso in cui si verifichino, o siano in procinto di verificarsi, scostamenti rispetto alle previsioni di spesa di cui al presente comma, il Ministro dell'economia e delle finanze provvede, sentito il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, con proprio decreto alla rideterminazione del beneficio riconosciuto ai sensi del primi due periodi del presente comma";
una proroga della possibilità di percepire la NASpI da parte dei lavoratori stagionali anche per l'anno 2016 consentirebbe ai lavoratori stagionali del settore turismo di fruire di un maggiore sostegno al reddito in caso di disoccupazione e di mancata rioccupazione. L'estensione al corrente anno consentirebbe anche un passaggio graduale per questi lavoratori verso il nuovo e più rigido sistema di calcolo della prestazione introdotto solamente a maggio 2015 da parte del decreto legislativo n. 22 del 2015;
le necessarie risorse per finanziare tale misura potrebbero essere reperite sempre mediante l'utilizzo del fondo di cui all'articolo 1, comma 107, della legge 23 dicembre 2014, n. 190;
impegna il Governo
a prorogare alla data del 31 dicembre 2016 le disposizioni di cui all'articolo 43, comma 4, del decreto legislativo 14 settembre 2015, n. 148, al fine di determinare un periodo più lungo entro il quale i lavoratori, con qualifica di stagionali nei settori produttivi del turismo e degli stabilimenti termali, possono beneficiare di un periodo di fruizione della NASpI.
(0/2237/46/0105)
BERGER, LANIECE