• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/12470    diversi organi e agenzia di stampa affermano che si stia preparando, proprio in questi giorni, un'operazione con cui Cassa depositi e prestiti, attraverso il fondo F2i (fondo italiani per...



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-12470presentato daFEDRIGA Massimilianotesto diGiovedì 10 marzo 2016, seduta n. 587

   FEDRIGA. — Al Ministro dell'economia e delle finanze . — Per sapere – premesso che:
   diversi organi e agenzia di stampa affermano che si stia preparando, proprio in questi giorni, un'operazione con cui Cassa depositi e prestiti, attraverso il fondo F2i (fondo italiani per le infrastrutture), diventerà di fatto un socio della Cir, la holding di un noto imprenditore italiano vicino agli ambienti di Governo;
   l'F2i, il principale fondo chiuso italiano dedicato a investimenti nel settore delle infrastrutture, è stato costituito dalla società di gestione del risparmio F2i SGR. spa ed è partecipato anche da Cassa depositi e prestiti e dalla principali banche italiane;
   il suddetto fondo si appresterebbe ad acquisire più del 40 per cento della Kos, o meglio della quota del private equity francese Ardian;
   la restante parte della società è infatti controllata per il 51,2 per cento dalla Cir (holding della famiglia del suddetto imprenditore), che opera nel campo sanitario, attraverso 52 residenze per anziani, 11 centri di riabilitazione, cliniche psichiatriche e comunità terapeutiche, 24 centri ambulatoriali, 30 centri di diagnostica e terapia, per un totale di 79 strutture e circa 7.100 posti letto soltanto in Italia, a cui si devono aggiungere anche i centri all'estero (Gran Bretagna fino all'India);
   secondo quanto riportato da agenzie di stampa l'operazione si concluderà questa settimana attraverso la firma, da parte dell'F2i, del contratto di acquisto della quota dell'Ardian secondo un prezzo stabilito, però, pari a 12 volte il margine operativo lordo di Kos, che lo scorso anno registrava circa 70 milioni di euro;
   sempre secondo la stampa, infatti, come base delle trattative si sarebbe considerato un valore societario, per il 100 per cento, oscillante tra gli 800 milioni di euro e un miliardo di euro, corrispondente dunque ad un valore tra gli 11 e i 14 Ebitda;
   a luglio 2016 dovrebbe scadere l'accordo parasociale stretto nel 2010 tra la Cir e l'Ardian secondo il quale quest'ultima potrà vendere le quote azionarie del gruppo a un valore quasi doppio rispetto a quello di acquisizione;
   il fondo di Cassa depositi e prestiti, dunque, subentrando attraverso l'F2i all'Ardian, acquisterebbe la relativa quota francese per investire in una delle società leader del settore sanitario, ma ad un prezzo ampiamente sopravvalutato: sembrerebbe, infatti, che nel 2014 la famiglia vicina agli ambienti governativi possedesse una partecipazione della società Kos pari a più di 99 milioni di euro e che una simile quota sarà rivalutata, per effetto dell'accordo che si sta concludendo, per oltre 430 milioni, tra cui anche 100 milioni di debiti, per una plusvalenza pari a 230 milioni –:
   se il Ministro interrogato sia a conoscenza dei fatti esposti in premessa e se ritenga congruente con la mission di cassa depositi e prestiti l'acquisto di quote di una società che gestisce prevalentemente case di riposo;
   se non ritenga opportuno chiarire le ragioni alla base dell'operazione citata in premessa, a parere degli interroganti in aperto conflitto di interessi posto che, di fatto, Cassa depositi e prestiti sarà obbligata a partecipare alla rivalutazione della società di proprietà di imprenditori vicini agli ambienti di Governo, con conseguente grave pregiudizio delle risorse pubbliche. (4-12470)