• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/08056    magistrati e forze dell'ordine stanno svolgendo un lavoro intenso per monitorare la situazione relativa a possibili e prevenire attentati;    in questo lavoro rientra...



Atto Camera

Interrogazione a risposta in commissione 5-08056presentato daLODOLINI Emanueletesto diMercoledì 9 marzo 2016, seduta n. 586

   LODOLINI. — Al Ministro dell'interno . — Per sapere – premesso che:
   magistrati e forze dell'ordine stanno svolgendo un lavoro intenso per monitorare la situazione relativa a possibili e prevenire attentati;
   in questo lavoro rientra l'inchiesta sui tragitti seguiti dal signor Karim Franceschi. Difatti, da indiscrezioni a mezzo stampa su alcuni quotidiani online, alcune dichiarazioni rese da signor Karim Franceschi combattente volontario a Kobane contro l'Isis, sarebbero finite nel mirino dell'Antiterrorismo;
   sembrerebbe che la direzione distrettuale antimafia e antiterrorismo di Ancona abbia infatti aperto un fascicolo sulle dichiarazioni rese dal signor Karim Franceschi in più occasioni, sia alla stampa che in vari incontri tenuti in giro per l'Italia dopo il suo rientro. Franceschi, 27 anni, residente a Senigallia (An), figlio di padre italiano e madre marocchina, nel gennaio 2015 partì alla volta di Kobane per unirsi come volontario alle Forze di difesa del popolo. Qui Karim ha imbracciato le armi per tre mesi;
   tornato a casa, si legge negli articoli di cui sopra, ha raccontato, in varie circostanze, la sue esperienza omettendo particolari «non riferibili». Tra questi il modo in cui è riuscito a raggiungere Kobane;
   la procura parrebbe voler ora chiarire questi aspetti per capire se ci sia rischio di infiltrazioni dell'Isis nel nostro Paese. Lo stesso percorso compiuto da Karim per entrare a Kobane infatti potrebbe essere fatto al contrario dai terroristi dell'Isis;
   per la Procura, si legge proprio nell'articolo citato, «l'interesse investigativo» sta nel capire anche come Karim sia riuscito ad arruolarsi nelle file di curdi, nel verificare la veridicità delle sue dichiarazioni ed eventuali pericoli di infiltrazioni terroristiche in Italia;
   la regione balcanica è zona di transito privilegiato di foreign fighters nonché area di «realtà oltranziste consolidate»;
   le Marche, per posizione geografica e per il ruolo di alcuni porti sull'adriatico, si trovano in prima linea di fronte a possibili spostamenti di persone o materiali dai balcani –:
   se il Ministro sia a conoscenza di questo sopra esposto, quali eventuali rischi e quali iniziative di competenza intenda assumere al riguardo. (5-08056)