• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.0/01120/073/ ... in sede di esame del disegno di legge recante "Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge di stabilità 2014)", considerato che, in sede di...



Atto Senato

Ordine del Giorno 0/1120/73/05 presentato da MASSIMO BITONCI
venerdì 15 novembre 2013, seduta n. 111

Il Senato,
in sede di esame del disegno di legge recante "Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge di stabilità 2014)",
considerato che, in sede di approvazione della legge 24 dicembre 2012, n. 228 (legge di stabilità 2013) non è stata prevista la proroga per il 2013 della cosiddetta "piccola mobilità" destinata alle aziende con meno di quindici dipendenti, e che la legge 19 luglio 1993, n. 236, la quale consente la possibilità d'iscrizione nelle liste di mobilità dei lavoratori licenziati da aziende con meno di quindici dipendenti, è applicabile in virtù di provvedimenti normativi appositi che ne prorogano di anno in anno le previsioni;
valutato come l'iscrizione dei lavoratori licenziati da aziende con meno di quindici dipendenti nelle liste di mobilità agevolava la ricerca di un'altra occupazione riconoscendo, in caso di nuova assunzione, al dato re "di lavoro uno sgravio contributivo per la durata di 18 mesi, se i lavoratori venivano assunti a tempo indeterminato e di 24 mesi, se assunti a tempo determinato e successivamente trasformati a tempo indeterminato, e che l'agevolazione consisteva nel pagamento dei contributi INPS nella misura del 10 per cento, pari a quella prevista per gli apprendisti, in luogo del contributo pieno;
ricordato come, a causa del perdurare della crisi economica, lo strumento denominato "piccola mobilità" è stato particolarmente utilizzato dagli imprenditori veneti, soprattutto da quelle PMI che più di altri stanno soffrendo le conseguenze della grave crisi economica;
impegna il Governo:
a valutare l'opportunità di adottare un intervento normativo di proroga per la cosiddetta "piccola mobilità".
(0/1120/73/5)
BITONCI, COMAROLI