• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/01542 il 26 luglio 2013 si è riunita a Santo Stefano di Sessanio (L'Aquila) la Commissione interregionale del turismo della Conferenza delle regioni italiane per presentare al Ministro interrogato...



Atto Camera

Interrogazione a risposta in commissione 5-01542presentato daPRODANI Aristesto diGiovedì 21 novembre 2013, seduta n. 123

PRODANI. — Al Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo . — Per sapere – premesso che:
il 26 luglio 2013 si è riunita a Santo Stefano di Sessanio (L'Aquila) la Commissione interregionale del turismo della Conferenza delle regioni italiane per presentare al Ministro interrogato una serie di misure a sostegno delle imprese di settore;
tra le iniziative che sono state oggetto di discussione figurano quelle relative al potenziamento del «turismo congressuale» (meetings, incentives, conferences, and exhibitions – MICE), ampiamente sottostimato nel nostro Paese, oggi noto come industria degli eventi a riprova del notevole peso economico costituito da questo settore;
in base al protocollo d'intesa sottoscritto a L'Aquila le regioni, l'ENIT-Agenzia nazionale del turismo e Federcongressi&eventi-Federazione delle associazioni della meeting & incentive industry si sono impegnate a raccordarsi e a concordare, nell'ambito delle rispettive pianificazioni, modalità e interventi per operare in modo coordinato e sinergico. Nello specifico s'intendono ottimizzare le iniziative comuni, armonizzando la promozione e la commercializzazione dell'offerta congressuale di qualità, definendo inoltre un programma coordinato di attività;
a seguito dell'accordo, l'industria degli eventi è quindi pienamente rientrata tra le priorità del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo e per la sua programmazione sono state calendarizzate una seriali riunioni tra i rappresentanti dell'ENIT-Agenzia nazionale del turismo, di Federcongressi&eventi e delle regioni;
nel corso dell'ultimo incontro del 25 ottobre 2013 svolto presso la sede ENIT di Roma, il coordinamento delle regioni ha riferito l'approvazione, da parte di queste ultime, dell'ultima versione del «documento programmatico sul rilancio della meeting industry italiana» preparato da Federcongressi&eventi che prevede, tra l'altro, il rilancio dell'osservatorio congressuale, oltre alla formazione e alla revisione dei criteri di qualificazione delle strutture congressuali;
il documento, inoltre, evidenzia l'annoso problema della carenza di promozione e commercializzazione dell'offerta di questo settore a livello nazionale, sottolineando anche il livello inadeguato di partecipazione dell'ENIT alla Imex America (America's Worldwide exibition for incentive travel, meetings & events) tenutasi a metà ottobre 2013 Las Vegas (USA);
secondo Federcongressi&eventi è necessario affiancare all'ENIT — che gestisce e promuove la «destinazione Paese» — un nuovo organismo in grado di commercializzare l'offerta MICE italiana;
durante la giornata di chiusura dell’Italian Politicians Forum tenutosi a Firenze il 13 novembre 2013, il presidente Federcongressi&eventi Mario Buscema ha dichiarato che «nel 2012 l'Italia si è posizionata al quinto posto nel ranking dei dieci maggiori Paesi europei per eventi internazionali ospitati, dopo la Germania con il 66 per cento in più di eventi rispetto all'Italia, la Spagna, la Gran Bretagna e la Francia. È evidente dunque che la destinazione Italia ha bisogno di uno scatto di orgoglio e di efficienza, perché la “bellezza” del nostro Paese non è più sufficiente per attrarre gli operatori stranieri» –:
se il Ministro interrogato intenda favorire i lavori del tavolo di coordinamento per avviare al più presto le politiche programmatiche necessarie al rilancio del settore industriale degli eventi;
quali siano le misure fino ad ora adottate dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo a sostegno della filiera di riferimento;
se s'intendano assumere iniziative per istituire un nuovo organismo in grado di commercializzare l'offerta MICE italiana. (5-01542)