• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.9/03606-A/007    premesso che:     l'articolo 16 del decreto in esame prevede misure fiscali di favore per gli atti e provvedimenti che trasferiscono la proprietà o diritti reali su immobili...



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/03606-A/007presentato daFICO Robertotesto diMercoledì 23 marzo 2016, seduta n. 596

   La Camera,
   premesso che:
    l'articolo 16 del decreto in esame prevede misure fiscali di favore per gli atti e provvedimenti che trasferiscono la proprietà o diritti reali su immobili sottoposti a vendite giudiziarie, prevedendo l'applicazione dell'imposta di registro nella misura fissa di 200 euro a condizione che l'immobile, se acquistato da imprese, venga ceduto nei due anni successivi ovvero, se acquistato da privati, venga posseduto per almeno un quinquennio e sia adibito a prima casa;
    come chiarito nella relazione illustrativa, la disposizione è finalizzata a favorire la dismissione degli immobili oggetto di procedure esecutive rendendo più «appetibili» gli immobili posti in vendita giudiziaria;
    tuttavia, perseguendo tale finalità, non va trascurato che oltre a soddisfare l'esigenza del creditore al recupero del credito, la procedura esecutiva deve tutelare al contempo l'interesse del debitore a non vedersi depauperato (per mere logiche di profitto) il valore del patrimonio posto in esecuzione; tale interesse è meritevole di tutela quanto l'interesse del creditore alla soddisfazione del credito;
    al fine di contemperare i contrapposti interessi senza svilire l'interesse del debitore alla preservazione del valore del proprio patrimonio, sarebbe auspicabile la riduzione al minimo del divario tra vendita forzata e vendita privatistica. La prassi delle vendite giudiziarie insegna infatti che raramente il prezzo conseguito a seguito di asta giudiziaria coincide col prezzo di mercato, con conseguente lesione del patrimonio del debitore. Ciò anche in conseguenza della forte presenza nelle vendite giudiziarie della criminalità organizzata;
    andrebbero pertanto rinforzati gli strumenti volti a garantire la massima trasparenza e legalità in ordine allo svolgimento della procedura,

impegna il Governo

ad assumere ogni genere di iniziativa, anche di carattere normativo, volta a introdurre misure preposte a limitare la partecipazione alle vendite di giudiziarie di soggetti sottoposti a procedimenti penali conclusi con condanne passate in giudicato per uno dei reati di cui all'articolo 32-quater del codice penale ovvero per i reati di cui agli articoli 648-bis e 648-ter.
9/3606-A/7. Fico.