• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/08441    il corpo nazionale dei vigili del fuoco ha potuto negli anni far fronte alle carenze di organico grazie al massivo utilizzo del personale cosiddetto «discontinuo», figura il cui...



Atto Camera

Interrogazione a risposta in commissione 5-08441presentato daLODOLINI Emanueletesto diMercoledì 20 aprile 2016, seduta n. 610

   LODOLINI e GIULIETTI. — Al Ministro dell'interno, al Ministro della difesa . — Per sapere – premesso che:
   il corpo nazionale dei vigili del fuoco ha potuto negli anni far fronte alle carenze di organico grazie al massivo utilizzo del personale cosiddetto «discontinuo», figura il cui reclutamento e addestramento è disciplinato dal decreto del Presidente della Repubblica n. 76 del 2004, destinato ad essere richiamato in servizio per eccezionali necessità, è stato negli anni impiegato alla stregua di personale precario con gli stessi doveri della componente professionista ma con diritti e tutele praticamente inesistenti;
   con le recenti disposizioni in materia di assunzione, il Ministero ha finalmente avviato un processo mirato all'utilizzo dei fondi destinati al richiamo dei discontinui, dirottandoli in spesa strutturale al fine di riconoscere un contratto a tempo indeterminato a 2.000 di questi giovani. Questo ha inevitabilmente ridotto ai minimi termini la possibilità di richiamare in servizio i restanti vigili discontinui che, seppur formati, si ritrovano praticamente disoccupati;
   il dipartimento dei vigili del fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile si appresta a varare un concorso pubblico per titoli ed esami che prevede percentuali di posti riservati a diverse categorie di partecipanti tra le quali quella appunto dei vigili discontinui;
   la percentuale riservata ai militari in ferma prefissata prevista dal decreto-legge n. 215 del 2001 risulta essere di gran lunga sproporzionata rispetto a quella prevista invece per il personale discontinuo (45 per cento a fronte di un 25 per cento) –:
   quali siano le ragioni che indurrebbero il Governo a preferire l'assunzione nel Corpo nazionale dei vigili del fuoco di personale proveniente dalle forze armate a discapito del personale proveniente dall'interno del Corpo stesso, addestrato, motivato e sicuramente più meritevole di vedersi riconosciuto il servizio prestato, negli anni, al fianco della componente permanente;
   se i Ministri interrogati intendano assumere iniziative per la revisione delle percentuali dei posti riservati alle forze armate (decreto-legge n. 215 del 2001), al fine di aumentare le riserve destinate ai vigili del fuoco discontinui/volontari.
(5-08441)