• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.0/01190/026/ ... premesso che: l'operazione Cirene è stata varata a Bengasi durante il conflitto libico come consulenza alle forze ribelli, e si è consolidata poi a Tripoli dopo la caduta del regime di...



Atto Senato

Ordine del Giorno 0/1190/26/0304 presentato da PEPPE DE CRISTOFARO
mercoledì 4 dicembre 2013, seduta n. 001

Il Senato,
premesso che:
l'operazione Cirene è stata varata a Bengasi durante il conflitto libico come consulenza alle forze ribelli, e si è consolidata poi a Tripoli dopo la caduta del regime di Gheddafi per istruire le nuove forze di sicurezza locali;
attualmente, a tal fine, sono lì stanziati circa cento istruttori militari italiani;
ad agosto scorso un gruppo di uomini armati di kalashnikov è penetrato nella base dove tali istruttori militari risiedono;
il loro obiettivo era semplicemente quello di rubare vetture, telefonini, denaro e altri oggetti di valore;
fortunatamente, alcune ore dopo il fatto, è stato possibile individuare e fermare gli autori della rapina e recuperare il materiale sottratto;
tale episodio conferma, tuttavia, le difficili condizioni di sicurezza nelle quali operano i circa cento istruttori militari italiani che compongono l'operazione Cirene;
essi vivono, infatti, in una struttura abbandonata dopo la guerra civile, e non possono provvedere da soli alla sicurezza personale, poiché disarmati, come previsto dall'accordo stipulato con il Governo provvisorio libico;
per tale motivo la loro protezione è affidata non a soldati o poliziotti, a guardie armate libiche private, la cui affidabilità lascia non poco a desiderare, considerato che uomini armati sono potuti entrare ed uscire impunemente dalla base senza venire bloccati, né ostacolati e considerato l'elevato rischio terroristico;
gli unici militari italiani armati sono i carabinieri del reggimento "Tuscania" posti a protezione dell'ambasciata;
impegna il Governo:
a farsi portatore di un'operazione civile e diplomatica di pacificazione del contesto libico e ad agire per garantire un'immediata fine dell'operazione Cirene a partire dal 1º gennaio 2014, nonché il rientro degli istruttori militari in Italia.
(0/1190/26/0304)
DE CRISTOFARO, DE PETRIS, BAROZZINO, CERVELLINI, PETRAGLIA, STEFANO, URAS