• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/08764    la legge 9 marzo 1971, n. 98 prevede l'assunzione a tempo indeterminato nei ruoli organici del personale delle amministrazioni dello Stato di cittadini italiani che prestavano la loro...



Atto Camera

Interrogazione a risposta in commissione 5-08764presentato daFANUCCI Edoardotesto diLunedì 23 maggio 2016, seduta n. 629

   FANUCCI, MOSCATT e PARRINI. — Al Ministro della difesa . — Per sapere – premesso che:
   la legge 9 marzo 1971, n. 98 prevede l'assunzione a tempo indeterminato nei ruoli organici del personale delle amministrazioni dello Stato di cittadini italiani che prestavano la loro opera nel territorio nazionale alle dipendenze di organismi militari della Comunità atlantica, o di quelli dei singoli Stati esteri che ne fanno parte, e che siano stati licenziati in conseguenza di provvedimenti di ristrutturazione degli organismi medesimi;
   l'articolo 2, comma 100, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, ha esteso il beneficio previsto dalla legge 9 marzo 1971, n. 98, anche al personale civile che avesse prestato servizio continuativo, per almeno un anno alla data del 31 dicembre 2006, alle dipendenze di organismi militari della Comunità atlantica, o di quelli dei singoli Stati esteri che ne fanno parte, operanti sul territorio nazionale, e che fossero stati licenziati in conseguenza di provvedimenti di soppressione o riorganizzazione delle basi militari degli organismi medesimi adottati entro la data del 31 dicembre 2006;
   l'articolo 1, comma 482, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 (legge di stabilità 2014) ha prorogato il suddetto termine e il relativo regime giuridico originariamente indicati all'articolo 2, comma 100, della legge 24 dicembre 2007, n. 244 al 31 dicembre 2006 e lo ha fissato al 31 dicembre 2012;
   a seguito della legge n. 147 del 2013, è possibile ritenere destinatario dei suddetti benefici previsti dalla legge n. 98 del 1971 il personale civile che abbia prestato servizio continuativo, per almeno un anno alla data del 31 dicembre 2012, alle dipendenze di organismi militari della Comunità atlantica, o di quelli dei singoli Stati esteri che ne fanno parte, operanti sul territorio nazionale, e che sia stato licenziato in conseguenza di provvedimenti di soppressione o riorganizzazione delle basi militari degli organismi medesimi adottati entro tale stessa data del 31 dicembre 2012;
   ai fini dell'assunzione, il citato articolo 2, comma 100, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, aveva istituito, presso il Ministero dell'economia e delle finanze, uno specifico fondo;
   ad oggi 10 civili italiani, che hanno prestato servizio continuativo alle dipendenze di organismi militari della Comunità atlantica operanti sul territorio nazionale, sono stati licenziati a fine 2014 e, quindi, risultano privi di qualunque protezione o possibilità di reintegro;
   da un incontro con l'ufficio per l'organizzazione e il lavoro pubblico del Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione è emerso che il fondo dedicato al riassorbimento nella pubblica amministrazione del personale licenziato da basi straniere in Italia (capitolo 3042/Mef) c’è un residuo disponibile pari a circa 612 mila euro, sufficiente a coprire senza necessità di rifinanziamento il riassorbimento delle 10 posizioni aperte e la cui richiesta di riassunzione nella pubblica amministrazione non è stata ancora soddisfatta –:
   se il Governo intenda adottare, senza alcun aggravio per le casse dello Stato, un'iniziativa normativa che estenda il beneficio previsto dalla legge 9 marzo 1971, n. 98, anche al personale civile che avesse prestato servizio continuativo, per almeno un anno alla data del 31 dicembre 2015, alle dipendenze di organismi militari della Comunità atlantica, o di quelli dei singoli Stati esteri che ne fanno parte, operanti sul territorio nazionale, e che fossero stati licenziati in conseguenza di provvedimenti di soppressione o riorganizzazione delle basi militari degli organismi medesimi adottati entro la data del 31 dicembre 2015. (5-08764)