• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/13629    come si evince da un recente comunicato stampa apparso sul sito del gruppo cooperativo «GOEL», famoso tra le varie attività per il primo marchio di moda eco-etica di fascia alta in...



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-13629presentato daREALACCI Ermetetesto diMercoledì 29 giugno 2016, seduta n. 644

   REALACCI. — Al Ministro dell'interno . — Per sapere – premesso che:
   come si evince da un recente comunicato stampa apparso sul sito del gruppo cooperativo «GOEL», famoso tra le varie attività per il primo marchio di moda eco-etica di fascia alta in Italia «Cangiari», un uliveto di un socio del gruppo cooperativo «GOEL», in provincia di Reggio Calabria, è stato colpito da un ennesimo atto criminale ed intimidatorio presumibilmente nella notte tra il 25 e il 26 giugno 2016;
   nel predetto spazio temporale ignoti si sono introdotti nel podere di uno dei produttore della cooperativa GOEL BIO, in contrada Tavoleria a Stilo in provincia di Reggio Calabria, per tagliare numerose piante di ulivo;
   dal 2009, con cadenza quasi annuale, l'azienda di Monasterace è stata oggetto di ripetute intimidazioni di natura incendiaria. Come non dimenticare poi che nel 2012 è stata addirittura distrutta parte della struttura di accoglienza agrituristica. Due anni fa si è tentato di appiccare fuoco al ristorante;
   si tratta infatti di ben 8 intimidazioni mafiose in 7 anni contro GOEL. Tutte ad oggi impunite, eccone la cronologia:
    10 agosto 2009 (incendio uliveto); 30 giugno 2010 (ritrovamento di una bottiglia contenente liquido infiammabile con accendino all'ingresso della locanda Cocintum); 24 settembre 2011 (incendio del quadro elettrico pompa per l'irrigazione); 23 gennaio 2012 incendio degli alloggi della casa padronale); 23 maggio 2013 (incendio di una botte esterna alla locanda); 3 settembre 2014 (incendio di un'altra botte esterna alla locanda); 31 ottobre 2015 (incendio di un ricovero di attrezzi agricoli); 27 giugno 2016 (taglio di alberi di ulivi);
   l'ultimo atto intimidatorio appare di chiara natura criminale e intende evidentemente minare e fiaccare con i danni e la paura l'impegno e i sacrifici di coloro i quali hanno costruito, in un territorio con grandi potenzialità naturali, economiche e turistiche, ma ad altissima infiltrazione mafiosa della ’ndrangheta, come l'area jonica nella provincia di Reggio Calabria, una struttura imprenditoriale altissima qualità in una zona peraltro minata dalla criminalità e dalla disoccupazione;
   la missione del consorzio GOEL, di cui fa parte «A Lanterna», come si legge dal sito di tutti gli appartenenti al gruppo cooperativo, si prefigge peraltro il «cambiamento della Locride e della Calabria nell'affermazione piena della libertà, della democrazia, della sussidiarietà, della giustizia sociale ed economica, del rispetto dei diritti delle persone e fasce sociali più deboli e marginali, del bene comune delle comunità locali e dei territori»;
   tutte le realtà afferenti al gruppo cooperativo GOEL bio, oltre ad essere state colpite da altri atti intimidatori, sono caratterizzate dalla scelta di un modello di sviluppo sostenibile, legato alla Locride e rispettoso del lavoro e della legalità, con tutti i lavoratori regolarmente assunti;
   l'interrogante ha presentato sulle ripetute minacce a GOEL due atti di sindacato ispettivo, l'8 settembre 2014 e il 3 novembre 2015, di quest'ultimo atto, il n. 4-10933, non è giunta, pur sollecitata con cadenza periodica, alcuna risposta –:
   quali iniziative urgentissime di competenza intenda mettere in campo il Ministro interrogato per rafforzare il controllo del territorio e la presenza dello Stato nella Locride, affinché le sopraddette molteplici intimidazioni non abbiano più a verificarsi e affinché il rilancio legale e sostenibile di quel territorio non venga più minacciato dalla criminalità mafiosa; se non si intendano far conoscere i risultati del piano «Focus ’Ndrangheta» promosso a livello regionale dal Ministero dell'interno con specifico riferimento al territorio della Locride citato nella risposta all'interrogazione n. 4-05928. (4-13629)