• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA ORALE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.3/02992 MORONESE, DONNO, NUGNES, CASTALDI, BERTOROTTA, CAPPELLETTI, BUCCARELLA, SANTANGELO, LEZZI, PUGLIA, PAGLINI, GIARRUSSO - Al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare -...



Atto Senato

Interrogazione a risposta orale 3-02992 presentata da VILMA MORONESE
martedì 5 luglio 2016, seduta n.653

MORONESE, DONNO, NUGNES, CASTALDI, BERTOROTTA, CAPPELLETTI, BUCCARELLA, SANTANGELO, LEZZI, PUGLIA, PAGLINI, GIARRUSSO - Al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare - Premesso che, a quanto risulta agli interroganti:

con delibera della Giunta della Regione Campania n. 57 del 16 febbraio 2015, la Regione ha, tra l'altro, programmato, in overbooking rispetto alla disponibilità finanziaria dell'obiettivo operativo 1.2 discendente dalla riprogrammazione del POR FESR e tenuto conto delle programmazioni, di cui alle delibere della Giunta regionale n. 175 del 2013 e n. 601 del 2013, il finanziamento degli interventi riportati nell'allegato alla stessa, per un importo complessivo presunto stimato in 9.120.010,91 euro, a valere sulle risorse in dotazione all'obiettivo operativo 1.2 "Migliorare la salubrità dell'ambiente" del programma operativo Regione Campania FESR 2007-2013;

la delibera n. 57 ha individuato, quali beneficiari dei finanziamenti per le indagini preliminari, la caratterizzazione e il ripristino ambientale e messa in sicurezza delle discariche, gli enti locali competenti per la gestione post mortem delle stesse, ed inoltre, quale beneficiario dei finanziamenti per l'elaborazione dell'analisi di rischio, l'ARPAC (Agenzia regionale per la protezione ambientale della Campania), in quanto soggetto che ha già effettuato le relative attività di caratterizzazione;

la delibera contiene l'elenco degli interventi programmati;

con successiva delibera della Giunta regionale n. 197 del 14 aprile 2015, la Giunta, dovendo procedere alla modifica dell'elenco degli interventi riportati nell'allegato alla delibera n. 57 del 16 febbraio 2015, fermo restando l'importo complessivo stimato di 9.120.010,91 euro, da finanziare, in overbooking, a valere sulle risorse in dotazione all'obiettivo operativo 1.2, prevedendo l'effettuazione della caratterizzazione ambientale, in luogo delle indagini preliminari, per i siti di discarica dei Comuni di San Tammaro, Bracigliano, Buccino, Castelnuovo di Conza, Corleto Monforte, Giffoni Sei Casali, Moio della Civitella, Ottati, Perdifumo, Rovagnano al Monte, Roscigno, S. Angelo a Fasanella, Santomenna e Frignano Cilento, ha deliberato, tra l'altro, la sostituzione dell'elenco degli interventi;

considerato che in base alle informazioni in possesso agli interroganti, in alcuni casi gli interventi programmati non sono stati neppure avviati, come già evidenziato nell'atto di sindacato ispettivo 3-02975 del 29 giugno 2016;

considerato inoltre che l'Italia è stata condannata dalla Corte di giustizia europea per le discariche abusive e sta pagando 113 milioni di euro all'anno tra multe e penalità semestrali. A ciò si aggiunga che in Campania, come risulta da recenti notizie stampa (agenzia "ANSA" del 29 giugno 2016), la Guardia di finanza ha accertato un danno erariale di oltre 27 milioni di euro per l'omessa bonifica e la mancata messa in sicurezza delle discariche campane, a carico, tra l'altro, di esponenti politici, dirigenti delle amministrazioni regionali e comunali coinvolti,

si chiede di sapere:

se il Ministro in indirizzo intenda attivarsi affinché sia verificato: lo stato dell'arte dei finanziamenti descritti, considerato che, al fine di ottenere il finanziamento stesso, le spese per gli interventi dovevano essere sostenute entro il 31 dicembre 2015; quanti e quali interventi siano stati effettivamente realizzati per ogni comune destinatario dei fondi; il motivo per cui i Comuni coinvolti non abbiano utilizzato i finanziamenti;

se ritenga di adoperarsi presso l'amministrazione competente, affinché siano resi noti i risultati raggiunti dai Comuni interessati, a seguito dei finanziamenti impiegati per gli interventi;

quali iniziative intenda adottare, alla luce delle multe onerose inflitte dall'Europa e del danno erariale subito, affinché ciascuna amministrazione, territorialmente competente, si conformi alla disciplina vigente in materia di bonifica delle discariche.

(3-02992)