• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.9/03926-AR/0 ...    premesso che:     il provvedimento in esame reca misure finanziarie urgenti per gli enti territoriali e il territorio;     nonostante il provvedimento in esame...



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/03926-AR/021presentato daMELILLA Giannitesto diGiovedì 21 luglio 2016, seduta n. 659

   La Camera,
   premesso che:
    il provvedimento in esame reca misure finanziarie urgenti per gli enti territoriali e il territorio;
    nonostante il provvedimento in esame tratti alcune problematiche che da tempo le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative sul piano nazionale avevano segnalato, appare quanto mai necessario di affrontare alcune materie con l'obiettivo da sempre condiviso di salvaguardare i livelli occupazionali e salariali dei lavoratori interessati, soprattutto al fine di difendere il sistema dei servizi offerti dagli enti locali;
    sotto il profilo delle problematiche inerenti le Province e le Città metropolitane, ad avviso delle organizzazioni sindacali, l'eliminazione delle sanzioni finanziarie per le Province e le Città metropolitane che hanno violato il patto di stabilità non solo non risolve il problema del taglio del salario-accessorio per i lavoratori di tali Enti ma non risolve neanche il problema più complesso della sostenibilità finanziaria del sistema;
    il tutto in quanto molti enti, a seguito dei prelievi imposti, entreranno in dissesto economico-finanziario come accaduto già ad altri;
    inoltre, permane il problema della presenza di lavoratori precari che, a differenza di altri lavoratori non precari della Pubblica Amministrazione, non solo non vedono alcuna prospettiva di stabilizzazione ma rischiano anche di non ottenere alcuna proroga dei contratti attualmente in essere che scadranno il 31 dicembre 2016;
    sotto il profilo delle problematiche inerenti il salario accessorio: molti enti, a seguito del combinato disposto di norme che, oltre a costituire un «bis in idem» rispetto ad altre previsioni di legge già esistenti ed in vigore, prevedono il blocco contrattuale, stanno affrontando il grave e penoso problema della contestazione, da parte del Ministero dell'Economia, dei fondi del salario accessorio ed è grave la preoccupazione per la salvaguardia dei livelli salariali del personale impiegato in tutti quegli Enti che versano in difficoltà economico-finanziaria,

impegna il Governo

a valutare l'opportunità di assicurare sempre e comunque il massimo coinvolgimento delle organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative sul piano nazionale ogni qualvolta si tratti di affrontare, attraverso l'adozione di apposite iniziative normative, questioni inerenti il personale operante presso gli Enti territoriali e più in generale nei settori del pubblico impiego che garantiscono e forniscono importanti e fondamentali servizi ai cittadini.
9/3926-A-R/21. Melilla, Folino, Marcon, Scotto, Paglia, Fassina, Nicchi, Gregori, Pannarale.