• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.9/03926-AR/0 ...    premesso che:     il provvedimento in esame reca misure finanziarie urgenti per gli enti territoriali e il territorio, intervenendo anche attraverso disposizioni finalizzate...



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/03926-AR/001presentato daCIRACÌ Nicolatesto diGiovedì 21 luglio 2016, seduta n. 659

   La Camera,
   premesso che:
    il provvedimento in esame reca misure finanziarie urgenti per gli enti territoriali e il territorio, intervenendo anche attraverso disposizioni finalizzate ad incidere su distinti settori della finanza pubblica;
    l'individuazione della categoria dei servizi pubblici in generale risponde all'esigenza di riconoscere quelle attività che la pubblica amministrazione ritiene necessario gestire direttamente, oppure sotto il suo controllo attraverso società di scopo, perché, per il benessere della collettività, reputa essenziale garantire a tutti i cittadini l'accesso all'utilizzazione di quello specifico servizio;
    anche in sede europea l'articolo 36 della Carta dei Diritti dei Cittadini Europei garantisce a tutti gli individui l'accesso ai servizi di interesse economico generale, riconoscendo così l'esistenza di una categoria di attività economiche il cui espletamento deve essere regolamentato e garantito dagli enti locali territoriali per fini di interesse generale;
    è necessario garantire la continuità dei servizi di pubblica utilità svolti dal personale delle società a partecipazione interamente pubblica dell'Amministrazione provinciale di Brindisi,

impegna il Governo

a valutare l'opportunità di adottare iniziative idonee affinché gli enti locali della provincia di Brindisi siano tenuti ad avviare entro il 31 agosto 2016 procedure selettive per titoli ed esami, per assunzioni con contratto di lavoro a tempo indeterminato, riservate al personale delle società in house, che abbia maturato, alla data di entrata in vigore della presente legge, almeno tre anni di servizio, anche non continuativi e che sia stato posto in mobilità ai sensi dell'articolo 4 della legge 23 luglio 1991, n. 223, fermo restando il rispetto degli obiettivi di saldo non negativo, in termini di competenza, tra le entrate e le spese finali, e le norme di contenimento della spesa di personale.
9/3926-A-R/1. (Testo modificato nel corso della seduta).  Ciracì.