• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.0/02495/030/ ... in sede di esame del disegno di legge di conversione del decreto legge 24 giugno 2016, n. 113, recante misure-finanziarie urgenti per gli enti territoriali e il territorio (A.S....



Atto Senato

Ordine del Giorno 0/2495/30/05 presentato da DONELLA MATTESINI
giovedì 28 luglio 2016, seduta n. 617

Il Senato,
in sede di esame del disegno di legge di conversione del decreto legge 24 giugno 2016, n. 113, recante misure-finanziarie urgenti per gli enti territoriali e il territorio (A.S. 2495)
premesso che,
il provvedimento in esame reca, all'articolo 1-ter, misure straordinarie per l'accoglienza di minori stranieri non accompagnati con le quali si prevede l'attivazione di strutture di accoglienza temporanee esclusivamente dedicate ai medesimi in caso di arrivi consistenti e ravvicinati;
tali strutture ricettive temporanee saranno attivate dai Prefetti qualora i comuni, secondo quanto previsto dalla normativa vigente, non riescano a garantire l'accoglienza dei minori stranieri non accompagnati. Esse avranno una capienza massima di 50 posti e assicureranno i servizi garantiti per le strutture di prima accoglienza;
considerato che,
nel corso degli ultimi anni i minori stranieri non accompagnati contattati o presi in carico dai servizi sociali dei Comuni italiani è incrementato in modo esponenziale, attestandosi dal 2010 intorno agli 8.000 all'anno, passando dai 9.197 del 2011 ai 13.253 del 2014, arrivando nei primi 6 mesi del 2016 al raddoppio rispetto allo stesso periodo del 2015;
i minori stranieri non accompagnati sono per il 96 per cento maschi e il 55,6 per cento ha 17 anni. Si registra, comunque, un aumento consistente dei minori di età inferiore ai cinque anni;
tale situazione richiede un sistema di accoglienza ed integrazione realmente diffuso su tutto il territorio nazionale, così come implementato con le recenti scelte governative che affrontano tale questione attraverso il percorso SPRAR ed l'un primo aumento di disponibilità di posti di accoglienza;
permane la necessità di definire e snellire in modo ulteriore la filiera dell'accoglienza tendo conto che i Comuni hanno problemi seri di personale da dedicare all'accoglienza che necessita di specifiche professionalità;
tenuto conto dell'approfondito lavoro svolto dall'ANCI su tale problematica,
impegna il Governo:
a prevedere, nei prossimi provvedimenti utili, una deroga al blocco del turnover del personale per i Comuni che accolgono i minori stranieri non accompagnati nell'ambito dello SPRAR;
a prevedere la riduzione dei tempi per la nomina del tutore e per il rilascio del permesso soggiorno;
a prevedere specifiche politiche di promozione e sostegno degli affidi familiari dei minori stranieri non accompagnati, quale strumento alternativo alla loro collocazione nelle comunità.
(0/2495/30/5)
MATTESINI