• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/13995    da molti mesi ormai, numerosi parchi nazionali attendono, a vario titolo, la nomina dei rispettivi organi dirigenziali: presidenti, membri del consiglio direttivo e direttori. Tali...



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-13995presentato daD'INCÀ Federicotesto diMartedì 2 agosto 2016, seduta n. 666

   D'INCÀ e BRUGNEROTTO. — Al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare . — Per sapere – premesso che:
   da molti mesi ormai, numerosi parchi nazionali attendono, a vario titolo, la nomina dei rispettivi organi dirigenziali: presidenti, membri del consiglio direttivo e direttori. Tali anomalie, attribuibili alle mancate intese tra autorità preposte, Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare e regioni competenti, incidono pesantemente sulla gestione, determinando una precarietà che potrebbe pregiudicare e riflettersi sia sugli aspetti ambientali nonché, su quelli economici e di legalità, rischiando di compromettere anche la effettiva sopravvivenza degli enti stessi;
   queste problematiche, in cui versano numerosi parchi nazionali, fra cui quello delle Dolomiti Bellunesi, sono state già segnalate il 13 gennaio 2016 con una interrogazione a risposta in commissione ambiente della Camera (interrogazione n. 5-07341), allo stato senza risposta, a prima firma della deputata Terzoni Patrizia, con la quale le si chiedeva: «se non ritenesse urgente intervenire, per quanto di competenza, per porre fine alla situazione di emergenza nella quale si trovano ad operare i parchi nazionali e di esporre le eventuali azioni che intendesse porre in essere riportando anche un relativo cronoprogramma»;
   nel caso di specie dell'ente parco Dolomiti Bellunesi, si rilevava la mancata nomina della figura del presidente, il componente più importante dell'organo collegiale di Governo dell'area naturale protetta previsto dall'articolo 9 della legge quadro n. 394 del 1991, ed elemento essenziale per la legale rappresentanza ed il coordinamento delle attività degli enti parco;
   tale mancanza rischia di compromettere inoltre, così come denuncia l'esecutivo del comune di Gosaldo in una delibera inviata al Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare e alle autorità ed esponenti politici del territorio Bellunese, la possibilità di adottare ed intraprendere le azioni per accedere ai fondi e finanziamenti sia europei sia strutturali fino al 2020. Ciò determinerebbe un evidente danno sia per i comuni che ricadono nei territori dell'area protetta sia per quelli limitrofi che risentono comunque delle eventuali ricadute;
   a parere dell'interrogante, il protrarsi oltremodo di questa situazione di stallo, risulterebbe deleterio per la programmazione e lo sviluppo dei territori interessati e pertanto, la nomina degli organi dirigenziali, tra cui il presidente, è un elemento indispensabile per il corretto funzionamento istituzionale dei parchi nazionali che devono essere messi rapidamente nelle condizioni per svolgere efficacemente compiti a loro affidati tra cui la conservazione e valorizzazione del patrimonio naturale, da considerare come il vero interesse generale che deve prevalere su interessi di parte o sugli equilibri politici dei diversi territori –:
   se intenda assumere iniziative normative urgenti, per quanto di competenza, volte a superare la situazione di stallo in cui versano molti parchi nazionali e nel caso di specie procedere nel più breve tempo alla nomina del presidente dell'ente parco delle Dolomiti Bellunesi;
   se intenda rendere pubbliche e trasparenti le relative operazioni di selezione della figure ricercate da scegliere tra persone di alto profilo professionale e ambientale, lontane da logiche spartitorie della pratica partitica, in grado di condurre gli enti parco con la necessaria competenza e lungimiranza che porti ad un conseguente rilancio di uno dei settori fondamentali per l'economia del territorio bellunese, ovvero la gestione e conservazione del nostro patrimonio naturale.
(4-13995)