• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/09542    a partire dagli anni 2000 la cosiddetta «terra dei fuochi», situata tra le province di Napoli e Caserta, è diventata tristemente nota per i continui roghi di rifiuti, molti dei quali...



Atto Camera

Interrogazione a risposta immediata in commissione 5-09542presentato daMANFREDI Massimilianotesto diMercoledì 21 settembre 2016, seduta n. 677

   MANFREDI e BORGHI. — Al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare . — Per sapere – premesso che:
   a partire dagli anni 2000 la cosiddetta «terra dei fuochi», situata tra le province di Napoli e Caserta, è diventata tristemente nota per i continui roghi di rifiuti, molti dei quali tossici, smaltiti illegalmente dalla camorra nella zona;
   l'area interessata dal fenomeno si estende per più di 1000 chilometri quadrati, conta circa 2 milioni e mezzo di abitanti e rappresenta uno dei territori più inquinati d'Italia, con un livello di incidenza di tumori sulla popolazione residente al di sopra della media nazionale;
   la drammatica compromissione della qualità di aria acqua e suolo e il conseguente grave pericolo sanitario hanno motivato ad agire con urgenza e – con il decreto-legge 10 dicembre 2013, n. 136 – ad avviare una serie di interventi tra cui la mappatura dei terreni destinati all'agricoltura, per accertarne il livello di contaminazione e procedere alle operazioni di bonifica;
   la bonifica del suolo è evidentemente indispensabile per ripristinare la sicurezza ambientale e sanitaria e costituisce l'unico strumento per mantenere all'uso agroalimentare le aree oggetto dell'intervento;
   risulta ancora non attuata la definizione – da parte del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, di concerto con il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali – del regolamento riguardante i parametri fondamentali di qualità delle acque destinate ad uso irriguo su colture alimentari, e la disciplina delle relative modalità di verifica, così come previsto dall'articolo 1, comma 6-sexies, del decreto-legge n. 136 del 2013, inserito durante l'esame in commissione su iniziativa dei parlamentari democratici; tali parametri devono considerare la condizione del suolo, del sottosuolo, delle acque, con particolare riferimento al cosiddetto inquinamento di fondo;
   il Comitato interministeriale previsto dall'articolo 2 del decreto-legge n. 136 del 2013 ha approvato un ampio programma di interventi straordinari ed urgenti per la tutela sanitaria e la bonifica dei suoli agricoli indicando le risorse necessarie per avviare la fase operativa; è necessario conoscere quali saranno i finanziamenti aggiuntivi, i soggetti incaricati e gli strumenti attuativi tecnico giuridici di tale piano –:
   se il Ministro interrogato non ritenga necessario e urgente dare completa attuazione al decreto-legge n. 136 del 2013, adottando il provvedimento di cui all'articolo 1, comma 6-sexies, e rendendo note le linee di finanziamento per il programma di interventi predisposto dal Comitato interministeriale previsto dall'articolo 2. (5-09542)