• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/14387    il 27 novembre 2015 veniva diffusa la notizia che la Guardia di finanza di Parma aveva effettuato approfondite perquisizioni presso la sede di Parma Gestione Entrate, l'agenzia di...



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-14387presentato daSPADONI Maria Ederatesto diLunedì 3 ottobre 2016, seduta n. 684

   SPADONI. — Al Ministro dell'economia e delle finanze . — Per sapere – premesso che:
   il 27 novembre 2015 veniva diffusa la notizia che la Guardia di finanza di Parma aveva effettuato approfondite perquisizioni presso la sede di Parma Gestione Entrate, l'agenzia di riscossione controllata dal comune di Parma;
   il 21 gennaio 2016, con una conferenza stampa del Movimento Nuovi Consumatori di Parma, prendeva avvio un clamoroso caso relativo alle notifiche delle sanzioni amministrative comminate ai cittadini di Parma dalla società Parma Gestione Entrate;
   numerose testimonianze venivano portate circa innumerevoli mancate notifiche presso le residenze dei cittadini, mentre altrettante notifiche venivano depositate presso la casa comunale per irreperibilità dei cittadini stessi;
   tra gli elementi apparsi immediatamente singolari vi è il fatto che alcuni messi notificatori risultavano aver depositato dalle 300 alle 600 notifiche in un solo giorno, un numero difficilmente giustificabile, dal momento che il messo avrebbe dovuto recapitare gli avvisi presso altrettante abitazioni in un sol giorno;
   durante la conferenza stampa del 21 gennaio 2016 il presidente di MNC Filippo Greci informava altresì che le informazioni venivano diffuse nel rispetto del «segreto istruttorio e le indagini coordinate dalla dott.ssa Delmonte», rendendo cioè pubblica l'inchiesta scaturita dalla denuncia della stessa associazione MNC;
   tra le ipotesi di reato formulate c'erano «truffa aggravata, abuso d'ufficio e falso ideologico»;
   in una successiva conferenza stampa del 2 febbraio 2016 MNC denunciava come «Parma Gestione Entrate, per non fare scadere le multe (che per legge devono essere notificate entro 90 giorni altrimenti diventano nulle), non notifica tutte le multe presso l'abitazione dei cittadini come dovrebbe fare per legge ma direttamente alla Casa Comunale. I cittadini, pertanto, non si ritrovano a casa nessun cartellino di notifica... semplicemente perché il messo non c’è andato e nessuno ha suonato il campanello»;
   inoltre, si denunciava che «la stessa multa sarebbe stata notificata da due notificatori diversi [...] (che sono due persone diverse, anche se talvolta, tra le tante sigle diverse che assumono, firmano nello stesso modo)»;
   il 21 marzo 2016 è scattata una vasta operazione di perquisizione della Guardia di finanza e della squadra mobile negli uffici della società di riscossione;
   l'operazione di polizia, a quanto si è appreso dalla stampa, si è svolta anche nelle abitazioni del presidente di Parma Gestione Entrate, dell'amministratore delegato e del direttore, che hanno ricevuto un avviso di garanzia con l'accusa di usura, peculato e falso ideologico;
   ulteriori avvisi di garanzia sono stati recapitati anche ad un quarto dirigente, solo per l'ipotesi di reato di falso ideologico, amministratore di una società esterna a cui Parma Gestione Entrate aveva dato in concessione il servizio di notifica di multe e ingiunzioni fiscali;
   nell'aprile del 2016 si sono registrate le dimissioni del presidente di Parma Gestione Entrate e del direttore della stessa società;
   è notizia pubblica l'avvio di un'indagine che riguarda atti della società Parma Gestione Entrate, e al contempo le denunce pubbliche su evidenti incongruenze nella notifica delle sanzioni comminate dalla stessa società rimangono senza una spiegazione chiara e definita;
   i casi potenziali, visto l'elevatissimo numero di notifiche recapitate giornalmente presso la casa municipale, potrebbero essere migliaia e ammontare a milioni di euro di sanzioni che necessitano controllo e approfondimento, stanti le informazioni diffuse dalla stampa;
   la posizione dei cittadini interessati è quindi ancora sospesa nell'incertezza, ragion per cui si ritiene necessario acquisire elementi circa gli sviluppi dell'indagine, pur nel rispetto delle prerogative proprie del procedimento giudiziario –:
   se il Ministro interrogato sia a conoscenza dei fatti riportati in premessa, e se non intenda fornire ogni elemento utile in suo possesso per fare chiarezza su suddetto caso;
   quali iniziative di competenza il Ministro abbia adottato o intenda adottare per ottenere la massima trasparenza nella gestione delle entrate, al fine di scongiurare comportamenti amministrativi che possano arrecare danno alle finanze dei cittadini. (4-14387)