• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/14504    presso il tribunale di Grosseto è in corso un processo penale per i presunti abusi commessi nelle foresterie dell'Ippodromo dei Pini sito nel comune di Follonica;    in...



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-14504presentato daCIRIELLI Edmondotesto diVenerdì 14 ottobre 2016, seduta n. 692

   CIRIELLI. — Al Ministro della giustizia . — Per sapere – premesso che:
   presso il tribunale di Grosseto è in corso un processo penale per i presunti abusi commessi nelle foresterie dell'Ippodromo dei Pini sito nel comune di Follonica;
   in particolare, tale procedimento vede imputate tre giunte del comune di Follonica e tre presidenze del Consorzio Etruria;
   al centro del processo ci sono 167 foresterie di varie metrature che dovevano essere vendute o affittate soltanto a chi faceva parte del mondo dell'ippica e che invece, per un articolo della convenzione tra amministrazione e società che gestisce la struttura, potevano finire sul mercato immobiliare senza troppi riguardi;
   due sono le ipotesi di reato: abuso d'ufficio e lottizzazione abusiva. L'abuso d'ufficio è stato contestato soltanto alla giunta guidata da Eleonora Baldi e a tutti i suoi assessori a seguito della approvazione della delibera di giunta n. 69 del 2010;
   a causa di tale delibera il comune è accusato di aver «limato» la prescrizione della provincia, la quale disponeva «per gli alloggi della foresteria, la convenzione dovrà prevedere l'utilizzo solo da parte del personale addetto al centro ippico e non l'alienazione, l'affitto o comunque l'uso a terzi». Ma nella nuova convenzione veniva introdotta una novità: e cioè che quegli alloggi potevano essere utilizzati dai soci della Club House, senza specificare chi fossero e soprattutto quali requisiti sarebbero stati necessari per associarsi;
   nel 2008 un precedente procedimento era stato archiviato per prescrizione, il quale a seguito della delibera n. 69 del 2010 veniva riaperto;
   il processo è stato più volte rinviato, fino ai giorni d'oggi senza arrivare nemmeno ad una sentenza di primo grado, ma avvicinandosi ai limiti della prescrizione;
   questi rinvii hanno causato un grave nocumento al procedimento –:
   se il Ministro interrogato sia a conoscenza dei fatti esposti in premessa e se non ritenga necessario assumere iniziative normative volte ad accelerare i tempi della giustizia ed evitare che possano verificarsi situazioni come quella descritta in cui l'accertamento delle responsabilità rischia di essere vanificato per effetto delle lungaggini del sistema giudiziario. (4-14504)