• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/14543    il decreto ministeriale 14 febbraio 2013, n. 22, «Regolamento recante disciplina della cessazione della qualifica di rifiuto di determinate tipologie di combustibili solidi secondari...



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-14543presentato daBENEDETTI Silviatesto diLunedì 17 ottobre 2016, seduta n. 693

   BENEDETTI, MASSIMILIANO BERNINI, COZZOLINO, BUSINAROLO, DE ROSA, ZOLEZZI e SPESSOTTO. — Al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare . — Per sapere – premesso che:
   il decreto ministeriale 14 febbraio 2013, n. 22, «Regolamento recante disciplina della cessazione della qualifica di rifiuto di determinate tipologie di combustibili solidi secondari (CSS), ai sensi dell'articolo 184-ter, comma 2, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modificazioni», consente, a determinate condizioni, e per talune tipologie di impianti di utilizzare il combustibile solido secondario (CSS);
   l'articolo 15 di tale decreto istituisce un Comitato di vigilanza e controllo quale organo per monitorare la produzione, le caratteristiche e l'utilizzo del CSS combustibile e per l'applicazione uniforme del citato regolamento sul territorio nazionale;
   tuttavia si sono registrati ostacoli nell'applicazione uniforme del regolamento su tutto il territorio nazionale, come nel caso esemplificativo della Cementeria di Monselice s.p.a., che il 22 luglio 2016 ha depositato presso il settore ambiente della provincia di Padova la richiesta per effettuare un intervento di «parziale sostituzione dei combustibili autorizzati per l'impianto di cottura del clinker (pet-coke e carbone fossile) con combustibile solido secondario (Css) “non rifiuto”» esclusivamente con specifica comunicazione di modifica «non sostanziale» dell'autorizzazione;
   va detto che il suddetto impianto, che risulta attualmente autorizzato con provvedimento A.i.a. n. 223/IPPC/2013 del 13 settembre 2013, la cui validità è estesa fino al 31 agosto 2021, giace in territorio compreso all'interno del parco regionale dei Colli Euganei, noto per le sue peculiarità paesaggistiche, ed è situato a poche decine di metri dal centro storico di Monselice, in pieno centro abitato e a ridosso di alcune scuole, oltre che in un'area già fortemente satura di inquinanti, anche per la presenza fino a pochi anni fa di altri due impianti simili in un raggio di pochi chilometri; inoltre, tale impianto gode di limiti di emissioni per diversi inquinanti molto più permissivi di quelli di un inceneritore. Ad esempio, ad una linea del vicino termovalorizzatore di Camin (Pd) è imposto un limite d'emissione giornaliera di 80 mg/Nm3 di Nox (ossidi di azoto), mentre al cementificio in questione è imposto un limite di emissione giornaliera di 700 mg/Nm3 per lo stesso inquinante –:
   con riferimento alle attività di cui all'articolo 15 del decreto ministeriale 14 febbraio 2013, n. 22, quali iniziative normative intenda assumere al fine di ridurre la discrezionalità degli enti preposti alle autorizzazioni nella valutazione delle modifiche sottese alla sostituzione del combustibile tradizionale con CSS-combustibile, valutando di prescrivere un nuovo procedimento autorizzatorio di valutazione di impatto ambientale;
   se, in relazione alle verifiche e ai controlli di cui sopra, ritenga di assumere iniziative normative nella direzione di introdurre ulteriori condizioni per l'utilizzo di CSS-combustibile negli impianti localizzati in specifiche aree ad alta vulnerabilità del Paese caratterizzate da una mortalità della popolazione superiore rispetto agli standard nazionali (come la Pianura padana), contestualmente tenendo in considerazione il parametro della vicinanza dei predetti impianti con centri abitati, scuole, luoghi pubblici (come nel caso descritto in premessa della cementeria a Monselice) e valutando di modificare i limiti di emissione giornaliera di tutti gli impianti insalubri di prima classe (come le cementerie) sulla base di quanto previsto dal decreto ministeriale n. 22 del 14 febbraio 2013. (4-14543)