• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.9/04079-A/003    premesso che:     l'Accordo di Parigi collegato alla Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici adottato a Parigi il 12 dicembre 2015 rappresenta un...



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/04079-A/003presentato daGUIDESI Guidotesto diMercoledì 19 ottobre 2016, seduta n. 695

   La Camera,
   premesso che:
    l'Accordo di Parigi collegato alla Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici adottato a Parigi il 12 dicembre 2015 rappresenta un importante successo diplomatico, seppure raggiunto al termine di un negoziato lungo, complesso e difficile, anche grazie ad un compromesso forse troppo generoso nei confronti dei Paesi emergenti;
    la ratifica da parte del nostro Paese si configura come un adempimento necessario, che rafforza la credibilità dei negoziatori che per conto del Governo parteciperanno alle prossime conferenze internazionali sulla salvaguardia dell'ambiente;
    ciò nonostante, va rilevato come sussistano ancora margini di incertezza circa il contributo relativo dato ai cambiamenti climatici in atto rispettivamente dall'uomo e da variabili astronomiche al di fuori del suo controllo, circostanza che potrebbe anche vanificare in parte gli impegni adottati in occasione della cosiddetta Cop 21;
    rimane pertanto indispensabile finanziare la ricerca dedicata ai cambiamenti climatici in tutte le possibili direzioni;
    spinge nella medesima direzione anche la considerazione delle reazioni della comunità scientifica alle rilevazioni fatte recentemente dalla Nasa, l'ente spaziale americano, che hanno rivelato preoccupanti anomalie nei cicli delle macchie solari, normalmente associate ai periodi di raffreddamento globale sulla Terra, al punto che vi è chi ritiene il nostro pianeta in procinto di entrare addirittura in una mini-glaciazione;
    è nobile la scelta di devolvere ogni anno, nel prossimo triennio, 50 milioni di euro al Global Climate Fund, ma al contempo rimane, più acuta che mai, l'esigenza di combattere forme di inquinamento che colpiscono vaste aree del nostro Paese,

impegna il Governo:

   a prevedere il finanziamento di studi e ricerche ulteriori, dedicati alla valutazione dell'impatto relativo di attività antropiche e fenomeni astronomici sui cambiamenti climatici in atto sulla Terra, che investighino soprattutto sull'ipotesi concernente il possibile, imminente, inizio di un periodo di raffreddamento globale indotto dal rallentamento delle attività solari, evidenziato dalle recenti anomalie emerse nell'osservazione del ciclo delle macchie che appaiono normalmente sulla superficie della stella intorno alla quale ruota il nostro pianeta;
   a reperire fondi adeguati al finanziamento delle misure che occorre adottare per combattere l'inquinamento da polveri sottili nella Pianura Padana.
9/4079-A/3. Guidesi, Gianluca Pini, Giancarlo Giorgetti, Fedriga, Grimoldi, Molteni, Palese.