• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.9/04127-bis- ...    premesso che:     in Italia l'amianto costituisce un problema estremamente complesso che coinvolge aspetti sanitari e ambientali ma anche economici e previdenziali. L'amianto...



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/04127-bis-A/147presentato daCOMINELLI Miriamtesto diVenerdì 25 novembre 2016, seduta n. 709

   La Camera,
   premesso che:
    in Italia l'amianto costituisce un problema estremamente complesso che coinvolge aspetti sanitari e ambientali ma anche economici e previdenziali. L'amianto ha avuto numerosi impieghi a livello industriale e civile, risultando ampiamente diffuso su tutto il territorio nazionale determinando situazioni di rischio sia per la popolazione generale che per i lavoratori esposti;
    a distanza di oltre venti anni dall'introduzione della Legge 257 del 27 Marzo 1992, che stabiliva la "cessazione dell'impiego dell'amianto" sono ancora presenti sul territorio nazionale diversi milioni di tonnellate di materiali compatti contenenti amianto e molte tonnellate di amianto friabile localizzati in siti di tipo industriale, residenziale pubblici e privati;
    l'Italia si è dotata di un Piano Nazionale Amianto – Linee di intervento per un'azione coordinata delle amministrazioni statali e territoriali – con l'obiettivo, tra l'altro, di attivare idonei interventi di messa in sicurezza e bonifica secondo il criterio della efficacia dei costi e di promuovere la ricerca su nuove tecniche per lo smaltimento dell'amianto, che assicurino un miglior rapporto costi efficacia rispetto agli attuali metodi;
    lo smaltimento dell'amianto purtroppo rimane un problema aperto per tutto il territorio nazionale che registra una mancanza di impianti di smaltimento. Poche sono anche le discariche dedicate allo smaltimento dei rifiuti contenenti amianto, e le volumetrie residue sono comunque inadeguate se riferite ai quantitativi di materiali contenenti amianto ancora da bonificare ma presenti sul territorio regionale e nazionale;
    lo smaltimento dei materiali è un nodo cruciale da risolvere per un'adeguata azione di bonifica su tutto il territorio nazionale e necessita di un'adeguata pianificazione per la realizzazione di una impiantistica di trattamento e smaltimento a supporto delle operazioni di bonifica. Al tempo stesso è necessario che venga fatta a livello istituzionale una valutazione attenta dei metodi di inertizzazione e della loro efficacia in modo da stabilire con dati certi e riconosciuti la potenzialità e l'efficacia di questi sistemi di trattamento della fibra;
   rilevato che:
    il disegno di legge di bilancio 2017, all'articolo 21, istituisce il Fondo per il finanziamento degli investimenti e lo sviluppo infrastrutturale del Paese tra i cui obiettivi sono ricomprese le attività di risanamento ambientale e bonifica;
    risanamento ambientale, bonifica e smaltimento dei materiali contenenti amianto devono essere le priorità per portare a zero il rischio connesso con l'esposizione alla pericolosa fibra ed è necessario realizzare una impiantistica di trattamento e smaltimento a supporto delle operazioni di bonifica e favorire la ricerca sulle nuove tecnologie per il trattamento dei materiali contenenti amianto e la loro inertizzazione,

impegna il Governo

a valutare gli effetti applicativi della disposizione in premessa al fine di adottare ulteriori iniziative normative volte ad inserire tra le opere finanziabili mediante il Fondo per il finanziamento degli investimenti e lo sviluppo infrastrutturale del Paese la realizzazione di impianti di smaltimento di materiali contenenti amianto e la realizzazione di una impiantistica di trattamento dei rifiuti contenenti amianto.

9/4127-bis-A/147. Cominelli, Bratti, Braga, Borghi, Bergonzi, Stella Bianchi, Carrescia, Covello, De Menech, Gadda, Ginoble, Tino Iannuzzi, Manfredi, Mariani, Marroni, Massa, Mazzoli, Morassut, Realacci, Giovanna Sanna, Valiante, Zardini.