• Testo della risposta

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/00829 Officine Meccaniche (OM), marchio di carrelli elevatori del gruppo Kion, è un'azienda che opera dagli anni Trenta nel settore della produzione e vendita di attrezzature per il sollevamento con...



Atto Camera

Risposta scritta pubblicata Mercoledì 9 ottobre 2013
nell'allegato al bollettino in Commissione X (Attività produttive)
5-00829

La vicenda delle Officine Meccaniche presenta aspetti molti complessi. Dopo l'annuncio da parte della Kion di voler cessare la produzione nello stabilimento di Modugno, il MiSE e la Regione Puglia si sono attivati per individuare possibili soluzioni, valutando anche la possibilità di riconvertire la produzione.
Come peraltro noto agli interroganti, nel gennaio 2013 si è raggiunto un accordo tra Kion e Frazer Nash, impresa inglese specializzata nella produzione di taxi ibridi, che prevedeva inizialmente una produzione di taxi destinata al mercato inglese con successivo ampliamento nel mercato europeo.
Nei mesi scorsi si è determinato un impasse che ha visto la Frazer Nash venire meno agli impegni assunti nell'accordo.
A nulla sono valsi i tentativi del MiSE, anche attraverso i canali diplomatici, per ricondurre la Frazer Nash al rispetto degli accordi sottoscritti e per evidenziare che l'Italia non è disposta ad accettare un comportamento scorretto come quello messo in atto dall'azienda inglese.
Per quanto riguardo lo stato della vertenza in corso si segnala che il blocco degli ingressi messo in atto dalle organizzazioni sindacali e contrastato dalla OM CARRELI (Gruppo tedesco KION) è stato oggetto di una richiesta alla Magistratura, al quale entrambe le parti hanno fatto ricorso. Data la difficile situazione venutasi a creare è stato sollecitato l'intervento del Ministero dello Sviluppo Economico al fine della composizione della controversia.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta definendo con le parti in causa una data per promuovere l'ennesimo incontro, volto a favorire una intesa che sblocchi la situazione.
Si evidenzia che la riapertura degli ingressi è essenziale per consentire ai potenziali investitori interessati allo stabilimento OM CARRELLI di Bari di verificare lo stato degli impianti e dell'immobile onde potere, eventualmente, formulare una proposta di acquisizione o di affitto.
Ritengo, tuttavia che anche grazie all'impegno notevole da parte della regione Puglia, vi siano spazi per individuare nuovi soggetti in grado di rilevare lo stabilimento.
Il Ministero del Lavoro per quanto di sua competenza, ha comunicato che in favore dei lavoratori è stata autorizzata la concessione del trattamento di integrazione salariale a seguito dell'approvazione di un programma di crisi aziendale volto alla cessazione di attività con un programma di cessazione degli esuberi articolato in 24 mesi.
Con un primo Decreto del 5 novembre 2012 è stato autorizzato il periodo di integrazione salariale dal 1.luglio 2012 al 30 giugno 2013; con un ulteriore Decreto del 9 agosto 2013 è stato autorizzato il periodo di integrazione salariale dal 1 luglio 2013 al 30 giugno 2014.