• Testo della risposta

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/01051 con decreto di nomina (prot. 0000320-05 febbraio 2013) da parte del Ministro interrogato, a decorrere dalla data del 6 settembre 2013, è stato conferito l'incarico all'ex senatore Fedele Sanciu...



Atto Camera

Risposta scritta pubblicata Giovedì 5 dicembre 2013
nell'allegato al bollettino in Commissione IX (Trasporti)
5-01051

L'Onorevole interrogante porta all'attenzione del Governo il delicato tema del commissariamento dell'Autorità portuale del Nord Sardegna.
Come è noto il 22 luglio 2013 è scaduto il secondo mandato del Presidente dell'Autorità portuale di Olbia e Golfo Aranci, Dott. Paolo Silverio Piro, che ha così completato due quadrienni consecutivi e, pertanto, ai sensi del comma 2, articolo 8, della legge n. 84 del 28 gennaio 1984, non risulta più rieleggibile.
Al fine di pervenire al rinnovo della Presidenza dell'Ente portuale sardo, è stata avviata per tempo la complessa procedura per l'individuazione del nominativo da sottoporre alla Regione.
Nelle more del completamento di detto iter è stato necessario garantire la funzionalità dell'ente e pertanto è stato nominato un commissario straordinario nella persona del Senatore Fedele Sanciu, esperto, già presente nella rosa di nominativi forniti dagli enti pubblici locali. A tale proposito ricordo, infatti, che, ai sensi del comma 1 del citato articolo 8, il Presidente dell'Autorità portuale è nominato, previa intesa con la Regione interessata, con decreto del MIT, nell'ambito di una terna di esperti di massima e comprovata qualificazione professionale nei settori dell'economia dei trasporti e portuali designati rispettivamente dalla provincia, dai comuni e dalle camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura competenti territorialmente.
Inoltre, tengo a evidenziare che, nelle more della definizione del nominativo del Presidente, il commissariamento costituisce un atto dovuto a garanzia del buon andamento dell'ente.
Peraltro, la nomina di un commissario straordinario presso le autorità portuali non è disciplinata da alcuna specifica normativa ma rientra nei poteri impliciti in capo all'Amministrazione vigilante conformemente ai principi generali stabiliti per l'adozione dei provvedimenti amministrativi, ivi compresi quelli di alta amministrazione, come nel caso in specie, ed al precetto della leale collaborazione istituzionale.
In ordine, poi, alle procedure e ai criteri seguiti faccio presente che la citata legge n. 84 del 1994 non prescrive alcun atto formale propedeutico al raggiungimento dell'intesa per la nomina del Presidente, la quale pertanto può formarsi anche sulla base di interlocuzioni dirette tra i soggetti coinvolti (Ministro e Presidente della Regione).
Nel concludere, mi preme evidenziare che, in ogni caso, il Senatore Sanciu risulta in possesso delle competenze che lo rendono idoneo a ricoprire l'incarico commissariale di cui trattasi: la sua candidatura alla nomina di Presidente dell'Autorità portuale da parte degli enti locali interessati costituisce la riprova che lo stesso è dotato delle caratteristiche previste dal menzionato articolo 8 per la nomina presidenziale in parola.