• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/15521    la difformità di trattamento tra il corso di formazione specifica in medicina generale (Cfsmg) e i corsi di specializzazione universitaria di ambito medico è particolarmente penalizzante...



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-15521presentato daIORI Vannatesto diGiovedì 9 febbraio 2017, seduta n. 739

   IORI. — Al Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca, al Ministro della salute . — Per sapere – premesso che:
   la difformità di trattamento tra il corso di formazione specifica in medicina generale (Cfsmg) e i corsi di specializzazione universitaria di ambito medico è particolarmente penalizzante per i diritti delle frequentanti in condizione di gravidanza;
   la gravidanza, durante il corso di formazione specifica in medicina generale, comporta la sospensione dell'erogazione della borsa di studio e il ritardo nel proseguimento delle attività didattiche teoriche e pratiche, con conseguente ritardo nell'ottenimento del diploma e dilatazione dei tempi in cui effettivamente sia possibile accedere al mondo del lavoro;
   si rilevano in materia le norme contenute nel decreto legislativo n. 368 del 17 agosto 1999 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 187/L parte prima del 23 ottobre 1999) che recepisce la «Direttiva 93/16/CEE in materia di libera circolazione dei medici e di reciproco riconoscimento dei loro diplomi, certificati ed altri titoli»; nel decreto legislativo n. 277 dell'8 luglio 2003 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 161/L del 14 ottobre 2003) che recepisce la «Direttiva 2001/19/CE che modifica le direttive del Consiglio relative al sistema generale di riconoscimento delle qualifiche professionali e le direttive del Consiglio concernenti le professioni di infermiere professionale, dentista, veterinario, ostetrica architetto, farmacista e medico»; oltreché nel decreto del Ministero della salute del 7 marzo 2006 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 60 del 13 marzo 2006) relativo ai «Princìpi fondamentali per la disciplina unitaria in materia di formazione specifica in medicina generale»;
   annualmente, il Cfsmg prevede la corresponsione di una borsa di studio di 11.603 euro lordi annui, sottoposti a tassazione Irap e Irpef, laddove ai frequentanti corsi di specializzazione universitaria è attribuita una borsa di studio annua di 25.000 euro lordi annui;
   il problema è aggravato per le giovani professioniste che affrontano gravidanze durante il Cfsmg poiché la borsa di studio viene sospesa ed inoltre esse devono attendere la sessione di diploma annuale successiva, salvo il caso di alcune regioni che prevedono sessioni straordinarie estive, per poter concludere il loro percorso di formazione (laddove invece le specializzande dei corsi universitari hanno diritto a 12 mesi di maternità totali nei 5 anni di specialità durante i quali vengono erogati 1.500 euro mensili ed inoltre hanno diritto a specializzarsi nel momento in cui terminano il recupero dei mesi di maternità in qualsiasi periodo dell'anno);
   non vi sono tutele o politiche di sostegno per il periodo dell'allattamento (fino a un anno di età del bambino) –:
   se il Governo non ritenga di assumere iniziative volte a stabilire un protocollo d'intesa su quali attività la corsista in condizione di gravidanza possa frequentare e sulle modalità di ottenimento del diploma una volta recuperate le attività didattiche teoriche e pratiche;
   se, a parità sostanziale di contesto professionale, il Governo non possa assumere iniziative per declinare in modo uniforme la tutela della gravidanza e della maternità promuovendo una opportuna revisione della normativa di riferimento del corso di formazione specifica in medicina generale. (4-15521)