• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.4/06999 GASPARRI - Al Ministro della giustizia - Premesso che, a quanto risulta all'interrogante: secondo quanto riportato da un'agenzia "Ansa" del 14 febbraio 2017 e poi confermato da Beppe...



Atto Senato

Interrogazione a risposta scritta 4-06999 presentata da MAURIZIO GASPARRI
mercoledì 15 febbraio 2017, seduta n.762

GASPARRI - Al Ministro della giustizia - Premesso che, a quanto risulta all'interrogante:

secondo quanto riportato da un'agenzia "Ansa" del 14 febbraio 2017 e poi confermato da Beppe Grillo in un post su "Facebook", nello scambio di messaggi tra il sindaco di Roma, Virginia Raggi, e un noto esponente politico nazionale, agli atti dell'inchiesta per corruzione risulterebbe il riferimento a un elenco di nominativi che la Raggi avrebbe inoltrato al procuratore della Repubblica di Roma, dottor Pignatone, e sul quale il sindaco attendeva riscontro;

dall'agenzia si evincerebbe che il sindaco avrebbe dato al procuratore di Roma un elenco di nomi da analizzare;

nello scambio di messaggi agli atti della Procura, sarebbe altresì emerso che le decisioni sul capo del personale del Comune, dottor Marra, fossero subordinate alle valutazioni che su di lui avrebbe formulato il procuratore Pignatone;

sempre in merito alla posizione di Marra, il sindaco avrebbe testualmente risposto: ''Pignatone mi risponderà quanto prima, l'elenco conteneva una prima tranche da 20 nominativi. Stanno effettuando verifiche";

appare incredibile, ad avviso dell'interrogante, che la Procura della Repubblica di Roma possa essere stata coinvolta nelle attività ipotizzate da Raggi, Grillo e altri esponenti politici di livello nazionale,

si chiede di sapere:

se il Ministro in indirizzo non ritenga opportuno esercitare le prerogative istruttorie ed ispettive conferitegli dall'ordinamento, anche al fine di chiarire: i rapporti intercorrenti tra l'amministrazione di Roma Capitale e la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma;

se corrisponda al vero che la Procura di Roma si sia prestata a fornire informazioni, alcune eventualmente coperte da segreto istruttorio, su richiesta del sindaco della Capitale;

se si sia svolto un traffico di notizie riservate tra la Procura e il Comune di Roma Capitale e se tale scambio presenti profili di illiceità penale;

se si possano appurare i nominativi presenti nell'elenco citato in premessa.

(4-06999)